martedì, Giugno 25, 2024
HomeIN EVIDENZALa quota di mercato di fonderia dei processi avanzati di Taiwan e...

La quota di mercato di fonderia dei processi avanzati di Taiwan e Corea diminuirà per effetto delle iniziative negli Stati Uniti

Taiwan e Corea: meno chip nel 2027

Secondo Trendforce, le nuove fabbriche in costruzione negli Stati Uniti e in Cina determineranno un calo della quota di mercato di capacità di fonderia di Taiwan e Corea entro il 2027. Senza tuttavia intaccare la quota di mercato dei campioni locali TSMC e Samsung.

Le ultime analisi di Trendforce, una delle più importanti società di consulenza e ricerche di mercato nel settore dei semiconduttori e dell’elettronica di consumo, nel 2024 Taiwan continuerà a guidare la capacità la capacità globale delle fonderie di semiconduttori nei processi di produzione avanzati (comprese le tecnologie a 16/14 nm e più avanzate) con una quota di mercato del 66%, seguita dalla Corea (11%), dagli Stati Uniti ( 10%) e dalla Cina (9%). Tuttavia, si prevede che le capacità di produzione di semiconduttori dei nodi avanzati di Taiwan e Corea diminuiranno rispettivamente al 55% e all’8% entro il 2027.

Sebbene i pesi massimi dei semiconduttori, tra cui TSMC, SK Hynix e Samsung, continuino ad aumentare la quantità di investimenti, Taiwan e Corea, i due paesi che detengono la quota di mercato più elevata nei nodi avanzati, dovrebbero diminuire le loro quote di mercato.

Tutto ciò per effetto degli forte investimenti al di fuori dei confini nazionali, in Giappone, Europa e Cina ma, soprattutto negli Stati Uniti, dove il governo ha spinto su incentivi e sussidi in modo più aggressivo e dove la quota di mercato di capacità globale nei processi produttivi avanzati salirà dal 10% nel 2024 al 22% nel 2027.

Taiwan e Corea: meno chip nel 2027

Tenendo conto della capacità complessiva di fonderia, Taiwan deterrà circa il 44% della quota di mercato globale nel 2024, seguita da Cina (28%), Corea del Sud (12%), Stati Uniti (6%) e Giappone (2%). Nel 2027 le quote di mercato di fonderia di entrambi i paesi dovrebbero scendere al 40% per Taiwan e al 10% per la Corea del Sud.

In Cina, dove le fonderie si concentrano maggiormente sull’espansione delle capacità dei processi maturi e sono sostenute da sussidi governativi, otterrà risultati relativamente forti nella quota di mercato globale complessiva, crescendo dal 28% nel 2024 al 31% nel 2027. La sua quota di mercato nei processi maturi (≥28 nm) la capacità dovrebbe aumentare dal 33% nel 2024 al 45% nel 2027.

Secondo il recente rapporto della Semiconductor Industry Association (SIA) e del Boston Consulting Group (BCG), nel 2022, Taiwan e la Corea detenevano rispettivamente il 69% e il 31% della produzione dei più importanti semiconduttori avanzati inferiori a 10 nanometri, mentre la loro quota di mercato sui nodi avanzati potrebbe scendere rispettivamente al 47% e al 9% nel 2032.

Il rapporto afferma che il drammatico calo della quota di produzione di semiconduttori della Corea del Sud è dovuto principalmente al fatto che sia Samsung Electronics che SK Hynix, che attualmente dominano il mercato globale dei semiconduttori avanzati insieme a TSMC, investiranno pesantemente negli Stati Uniti anziché in Corea del Sud.

Il governo degli Stati Uniti ha annunciato all’inizio di aprile che avrebbe concesso sussidi fino a 6,4 miliardi di dollari a Samsung per espandere la capacità di produzione di chip avanzati nel suo stabilimento in Texas. Da parte sua, SK Hynix prevede di spendere 3,87 miliardi di dollari per costruire un impianto di confezionamento avanzato e un centro di ricerca per prodotti di intelligenza artificiale in Indiana.

Anche la taiwanese TSMC ha annunciato che incrementerà gli investimenti negli USA a circa 65 miliardi di dollari a fronte dei quali riceverà finanziamenti pubblici per 6,6 miliardi di dollari.

Se è probabile, come spiega il report, che ci sarà un calo della quota di mercato delle fonderia di Taiwan e Corea, quasi sicuramente la quota di mercato globale delle aziende leader di questi paesi rimarrà inalterata o aumenterà ancora.