domenica, Luglio 14, 2024
HomeAZIENDEAttualitàInfineon progetta un centro di ricerca e sviluppo a Taiwan con un...

Infineon progetta un centro di ricerca e sviluppo a Taiwan con un investimento di 1,2 miliardi di dollari taiwanesi

Centro R&D Infineon a Taiwan
Da sinistra, Sam Geha, vicepresidente esecutivo IoT, computing e business wireless di Infineon Technologies AG, il direttore generale dell’Istituto tedesco di Taipei Jorg Polster e il ministro degli affari economici di Taiwan JW Kuo.

L’azienda tedesca ha citato il dinamico ecosistema di innovazione di Taiwan, con talenti altamente qualificati in ricerca e sviluppo e forti cluster industriali come ragioni per investire nel paese asiatico. 

Infineon Technologies realizzerà a Taiwan un centro di ricerca e sviluppo (R&S) da 1,2 miliardi di NT$ (37,05 milioni di USD) con un finanziamento governativo di 480 milioni di NT$ per sviluppare chip Wi-Fi e Bluetooth di prossima generazione in collaborazione con partner locali.

Infineon è l’ultima di una serie di aziende globali di semiconduttori che operano a Taiwan e che utilizzano l’ecosistema locale per sviluppare il proprio business e per produrre in loco, grazie alla presenza delle più importanti foundry mondiali, i semiconduttori che non riescono a produrre nei propri stabilimenti. Sia Infineon che altre IDM europee con NXP Semiconductors e STMIcroelectronics, utilizzano i servizi di fonderia a contratto di TSMC per produrre alcuni dei loro chip automobilistici.

La nuova iniziativa di Infineon nell’ambito della ricerca fa seguito ad altre iniziative simili di multinazionali dei semiconduttori. Recentemente NVIDIA ha aperto il suo primo centro di ricerca e sviluppo sull’intelligenza artificiale (AI) a Taiwan con un investimento totale di 24,3 miliardi di NT$, inclusi 6,7 miliardi di NT$ in sussidi governativi, e sta valutando la possibilità di crearne un secondo.

Anche AMD è in procinto di aprire un centro di ricerca e sviluppo a Taiwan con un investimento totale di 5 miliardi di NT$.



Il nuovo investimento di Infineon fa parte del “Programma A+ Global Innovation Partnership Initiative”, un’iniziativa lanciata dal Ministero degli Affari Economici di Taiwan per accelerare lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia, sfruttando la forza dei leader del settore globale.

Infineon da sola investirebbe circa 720 milioni di dollari taiwanesi per creare il “centro di ricerca e sviluppo di semiconduttori avanzati per comunicazioni wireless e automobilistiche“, aggiornando il suo esistente laboratorio di ricerca e sviluppo sulle comunicazioni wireless a Taiwan.

L’investimento nel centro di ricerca e sviluppo, il primo tra i produttori europei di chip automobilistici, creerebbe 60 miliardi di dollari taiwanesi in valore di produzione per l’elettronica automobilistica locale, ha affermato Infineon in una nota.

Il progetto coprirà l’intero processo di ricerca e sviluppo per il chip Bluetooth di prossima generazione di Infineon di livello automobilistico, che sarà portato avanti a Taiwan.

Ciò include il coinvolgimento di esperti internazionali di ricerca e sviluppo di elettronica automobilistica, la facilitazione degli scambi con ricercatori locali e clienti del settore e il trasferimento di competenze nel settore automobilistico, ha affermato il produttore di chip tedesco.

“Siamo impressionati dal dinamico ecosistema di innovazione di Taiwan, compresi i suoi talenti altamente qualificati in ricerca e sviluppo e i forti cluster industriali. Basandosi sulla solida base di partnership esistenti con molte aziende taiwanesi, Infineon ora aumenta in modo significativo le proprie attività di ricerca e sviluppo. Non vediamo l’ora di arricchire e ampliare ulteriormente i nostri sforzi di collaborazione con i nostri partner locali”, ha affermato nella dichiarazione Sam Geha, vicepresidente esecutivo di Internet of Things, Compute and Wireless Business presso Infineon.

Infineon collaborerà con istituti di ricerca locali tra cui l’Istituto di ricerca sulla tecnologia industriale, l’Università nazionale di Taiwan, l’Università nazionale di Cheng Kung e l’Università nazionale di tecnologia di Taipei, nonché con numerosi produttori di moduli di rete taiwanesi e sviluppatori di sistemi automobilistici.