lunedì, Maggio 27, 2024
HomeIN EVIDENZAGli Stati Uniti prevedono di triplicare la capacità produttiva di semiconduttori entro...

Gli Stati Uniti prevedono di triplicare la capacità produttiva di semiconduttori entro il 2032, il tasso di crescita più elevato del mondo

Crescerà del 203% la produzione di chip degli Stati UnitiSecondo il nuovo report SIA/Boston Consulting Group, gli Stati Uniti prevedono di aumentare la produzione nazionale di chip del 203% nel decennio successivo all’entrata in vigore del CHIPS and Science Act e di espandere la propria quota della capacità produttiva totale mondiale per la prima volta dopo decenni. 

La Semiconductor Industry Association (SIA), in collaborazione con il Boston Consulting Group (BCG), ha pubblicato un report sulla catena di fornitura globale di semiconduttori nel quale si prevede che gli Stati Uniti triplicheranno la propria capacità produttiva nazionale di semiconduttori a partire dal 2022 – quando fu promulgato il CHIPS and Science Act – al 2032. La crescita del 203% è il più grande aumento percentuale previsto nel mondo in quel periodo.

Crescerà del 203% la produzione di chip degli Stati Uniti

Lo studio, intitolato “ Emerging Resilience in the Semiconductor Supply Chain”, prevede inoltre che gli Stati Uniti aumenteranno la propria quota di produzione in logica avanzata (sotto i 10 nm) al 28% della capacità globale entro il 2032, rispetto allo 0% nel 2022. Inoltre, l’America catturerà oltre un quarto (28%) del totale delle spese in conto capitale (capex) globali nel periodo 2024-2032, classificandosi secondo solo a Taiwan (31%). Secondo il rapporto, in assenza del CHIPS Act, gli Stati Uniti avrebbero speso solo il 9% degli investimenti globali entro il 2032.

Sebbene il rapporto rilevi che gli investimenti del settore, agevolati dagli incentivi del CHIPS Act, sono sulla buona strada per rinvigorire la produzione di semiconduttori in America e rafforzare le catene di fornitura di chip statunitensi, il report identifica anche le azioni politiche atte a rafforzare ulteriormente le catene di fornitura, la ricerca e sviluppo e il design dei chip, in modo da fare crescere la forza lavoro nel settore dei semiconduttori e garantire che le sovvenzioni pubbliche garantiscano i massimi benefici alla sicurezza economica e nazionale dell’America.

Il rapporto analizza anche gli sforzi in corso in altri paesi per incentivare la produzione e l’innovazione di chip e il rafforzamento della catena di fornitura globale nonché il libero accesso a tutti i mercati.

“Politiche efficaci, come il CHIPS e Science Act, stanno stimolando maggiori investimenti nell’industria dei semiconduttori statunitense. Questi investimenti aiuteranno l’America ad aumentare la propria quota di produzione e innovazione globale di semiconduttori, favorendo la crescita economica e la competitività tecnologica”, ha affermato Rich Templeton, presidente del consiglio di amministrazione di Texas Instruments e presidente del consiglio di amministrazione di SIA. “La continua e ampliata collaborazione tra governo e industria ci aiuterà a sfruttare questo slancio e a continuare i nostri prossimi passi avanti”.

Altri punti chiave del rapporto:

  • Secondo la SIA, l’aumento previsto del 203% della capacità produttiva dell’America, leader a livello mondiale dal 2022 al 2032, è in netto contrasto con il modesto aumento dell’11% del decennio precedente (2012-2022), ultimo tra quelli delle  principali regioni produttrici di chip.
  • La quota statunitense della capacità produttiva mondiale di chip aumenterà dal 10% nel 2022, anno in cui è stato promulgato il CHIPS and Science Act, al 14% entro il 2032, segnando la prima volta in decenni che gli Stati Uniti aumenteranno la propria impronta di produzione nazionale di chip rispetto al resto del mondo. Secondo il rapporto, in assenza dell’attuazione del CHIPS and Science Act, la quota statunitense sarebbe scesa ulteriormente all’8% entro il 2032.

  • Gli Stati Uniti continuano a guidare il mondo nel loro contributo complessivo alla catena del valore globale, con forti posizioni di leadership in aree ad alto valore aggiunto della tecnologia dei semiconduttori, tra cui la progettazione di chip, l’automazione della progettazione elettronica (EDA) e le apparecchiature per la produzione di semiconduttori.

Il rapporto rileva inoltre che le politiche industriali hanno il potenziale per creare ulteriori colli di bottiglia che aumentano il rischio della catena di approvvigionamento. Alcuni segmenti della catena di fornitura dei semiconduttori sono a rischio se i programmi di incentivi e le politiche industriali su larga scala portano a investimenti non basati sul mercato, il che può comportare un’eccessiva concentrazione o un eccesso di offerta. Gli incentivi governativi dovrebbero concentrarsi sulla possibilità di consentire investimenti mirati, distribuiti e basati sul mercato.

Inoltre, lo studio evidenzia le modalità con cui governi e aziende stanno intraprendendo azioni concertate per aumentare la resilienza. Il CHIPS Act statunitense ha stanziato 39 miliardi di dollari in incentivi per la produzione di semiconduttori, oltre a un credito d’imposta separato sugli investimenti nel settore manifatturiero avanzato. L’Unione Europea ha presentato l’European CHIPS Act, la Cina ha avviato la terza fase del suo fondo di investimento industriale per i circuiti integrati e vari altri programmi di incentivi sono emersi a Taiwan, Corea, Giappone, India e nel  resto del mondo. Parallelamente, le aziende hanno effettuato investimenti significativi, sia nelle regioni consolidate che in quelle nuove. Il rapporto prevede circa 2,3 trilioni di dollari di investimenti in conto capitale nel periodo 2024-2032, rispetto ai 720 miliardi di dollari del decennio precedente all’entrata in vigore del CHIPS Act (2013-2022).

Crescerà del 203% la produzione di chip degli Stati Uniti

Nonostante i progressi compiuti per rafforzare la produzione di semiconduttori con sede negli Stati Uniti, sono necessarie ulteriori azioni politiche del governo per garantire che l’America rimanga sulla buona strada per affrontare le persistenti vulnerabilità della catena di approvvigionamento e aumentare la propria quota di capacità di fabbricazione, aumentando al tempo stesso la propria forza in aree come la logica avanzata , progettazione, EDA e attrezzature di fronte alla crescente concorrenza globale.

“Il CHIPS and Science Act ha messo l’America sulla buona strada per rafforzare in modo significativo la produzione nazionale di semiconduttori e la ricerca e sviluppo, ma è necessario ulteriore lavoro per completare l’opera”, ha affermato John Neuffer, presidente e CEO di SIA. “Non vediamo l’ora di lavorare con i leader governativi per promuovere politiche che ampliano la pipeline di talenti STEM, investono nella ricerca scientifica, promuovono il libero scambio e l’accesso ai mercati globali ed espandono ed estendono gli incentivi”. 

Gli incentivi alla produzione del CHIPS Act hanno innescato notevoli investimenti negli Stati Uniti. Le aziende dell’ecosistema dei semiconduttori hanno annunciato più di 80 nuovi progetti in 25 stati degli Stati Uniti, per un totale di quasi 450 miliardi di dollari in investimenti privati, da quando è stato introdotto il CHIPS Act. Questi progetti creeranno più di 56.000 posti di lavoro nell’ecosistema dei semiconduttori e sosterranno centinaia di migliaia di posti di lavoro aggiuntivi in ​​tutta l’economia statunitense.