mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeAZIENDEAttualitàIntel espanderà la produzione di semiconduttori negli Stati Uniti e in Europa

Intel espanderà la produzione di semiconduttori negli Stati Uniti e in Europa

Il nuovo CEO di Intel Pat Gelsinger ha rilasciato questo pomeriggio un aggiornamento sulle strategie aziendali della società e sulla nuova iniziativa “IDM.2.0” per la produzione e lo sviluppo dei semiconduttori che combina l’attuale rete di fabbriche dell’azienda con capacità di terze parti in outsourcing e nuove fonderie Intel negli Stati Uniti e in Europa.

Come spero abbiate capito, Intel è tornata“, ha detto Gelsinger verso la fine delle sue osservazioni.

I punti salienti del discorso di Gelsinger possono così essere riassunti:

  • Annuncio di piani di espansione della produzione che comporteranno un investimento iniziale di circa 20 miliardi di dollari con la costruzione di due nuovi stabilimenti in Arizona.
  • Progressi nello sviluppo del processo Intel a 7 nanometri con entrata in produzione del processore a 7 nm “Meteor Lake” prevista nel secondo trimestre del 2021.
  • Annuncio dell’iniziativa Intel Foundry Services con l’intenzione di creare nuove capacità di fonderia in Europa e negli Stati Uniti per servire i clienti a livello globale.
  • Annuncio di piani per una nuova collaborazione di ricerca con IBM.
  • Rianimazione del vecchio Intel Developer Forum con Intel On, che si terrà a San Francisco in ottobre.

Stiamo impostando il corso per una nuova era di innovazione e leadership di prodotto in Intel“, ha affermato Gelsinger. “Intel è l’unica azienda con le capacità software, le conoscenze su silicio e piattaforme, su packaging e processi con una produzione su grande scala su cui i clienti possono fare affidamento per i loro prodotti di prossima generazione. IDM 2.0 è una strategia che solo Intel può offrire e rappresenta una formula vincente. La utilizzeremo per progettare i migliori prodotti e realizzarli nel miglior modo possibile per ogni categoria di prodotto“.

Ecco il video della presentazione di Pat Gelsinger diffuso da Intel:

Sul tema dei chip con processo a 7 nm, con la leadership passata da Intel a AMD grazie anche alla CPU EPYC 7300 “Milan” recentemente rilasciata, Gelsinger ha dichiarato: “Lo sviluppo dell’azienda del nodo di processo a 7 nm sta procedendo bene, guidato da un maggiore utilizzo della litografia ultravioletta estrema (EUV) in un flusso di processo ridisegnato e semplificato. Intel prevede di entrare in produzione con la sua prima CPU client a 7 nm (nome in codice “Meteor Lake”) nel secondo trimestre di quest’anno. Oltre all’innovazione di processo, la leadership di Intel nella tecnologia di packaging sarà un importante elemento di differenziazione che consente la combinazione di più IP o “tiles” per fornire prodotti su misura“.

Un tema che attraversa le osservazioni di Gelsinger è la sua determinazione a instillare un’etica per soddisfare o superare le aspettative, un riferimento velato al ritardo nello sviluppo di CPU e GPU dei server e dei data center prodotte in stretto contatto con i clienti HPC.

Lavoreremo duramente per essere sempre all’avanguardia della tecnologia, della capacità e del raggiungimento di ogni aspetto delle nostre attività“, ha detto Gelsinger.

Uno dei temi del mio mandato di CEO sarà: Execute, execute, execute. Stiamo riportando la disciplina di esecuzione di Intel, l’ho chiamata la “cultura Groviana” (riferendosi all’ex CEO di Intel Andy Grove) in cui facciamo quello che diciamo cosa faremo, abbiamo quella fiducia del nostro lavoro con team entusiasti, quando diciamo che faremo X, faremo 1,1 volte quanto promesso. Questa è la cultura che stiamo riportando in Intel“.

L’applicazione di tale etica sarebbe stata accolta con favore dall’Argonne National Laboratory, che si aspettava la consegna quest’anno del primo supercomputer exascale del paese, Aurora, di cui Intel è l’appaltatore principale. Ma i ritardi nella produzione  della GPU “Ponte Vecchio” con processo a 7 nm, da implementare nell’Aurora, hanno fatto sì che la data di consegna fosse spostata al prossimo anno.

Senza menzionare uno specifico timing per Ponte Vecchio, Gelsinger ha espresso commenti positivi sulla GPU, dicendo: “Ponte Vecchio è un’eccellente dimostrazione della nostra capacità di combinare più tecnologie di processo, sia interne che esterne, con una nuova tecnologia di packaging per adattare in modo univoco i prodotti ai mercati e alle esigenze del cliente. Utilizza più di 40 differenti tile in un unico package. Questo package è una combinazione diversificata di oltre 100 miliardi di transistor prodotti con più tecnologie di processo“.

Tenendo in mano un prototipo del chip, Gelsinger ha dichiarato: “Tredici anni fa, IBM introdusse il primo supercomputer petaflop al mondo, che riempiva un’intera grande stanza. Ora, proprio qui in mano, ho un computer AI su scala petaflop facilmente accessibile agli sviluppatori…”.

Gelsinger ha affermato che l’investimento di 20 miliardi di dollari creerà oltre 3.000 posti di lavoro ad alta tecnologia, più di 3.000 posti di lavoro nell’edilizia e circa 15.000 posti di lavoro locali a lungo termine. Ha detto che la società prevede di annunciare la prossima fase di espansione della capacità negli Stati Uniti, in Europa e in altre località entro l’anno.

Il Ceo di Intel ha anche affermato che “prevede di coinvolgere l’ecosistema tecnologico e i partner del settore per realizzare la sua visione IDM 2.0“. A tal fine, Intel e IBM hanno annunciato oggi piani per una collaborazione di ricerca incentrata sulla logica di prossima generazione e sulle tecnologie di packaging. “Sfruttando le capacità e il talento di ciascuna azienda a Hillsboro, Oregon e Albany, questa collaborazione mira ad accelerare l’innovazione nella produzione di semiconduttori in tutto l’ecosistema, migliorare la competitività del settore dei semiconduttori statunitense e supportare le principali iniziative del governo degli Stati Uniti“, ha dichiarato Gelsinger.