mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAZIENDEAttualitàIntel riceve dal governo USA sovvenzioni per 8,5 miliardi di dollari per...

Intel riceve dal governo USA sovvenzioni per 8,5 miliardi di dollari per i suoi nuovi stabilimenti americani

Intel riceve sovvenzioni per 8.5 miliardi

Il contributo – il più alto concesso finora – fa parte dei fondi di 53 miliardi di dollari del Chips Act USA approvato nell’agosto 2022 dall’amministrazione Biden.

L’amministrazione Biden ha annunciato oggi che Intel e il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti hanno firmato un memorandum preliminare d’intesa per un importo massimo di 8,5 miliardi di dollari in finanziamenti diretti a Intel per progetti relativi alla fabbricazione di semiconduttori ai sensi del CHIPS and Science Act.

I finanziamenti del CHIPS Act mirano ad aumentare la produzione di semiconduttori e le capacità di ricerca e sviluppo degli Stati Uniti, in particolare nel settore dei semiconduttori avanzati. Intel è l’unica azienda americana che progetta e produce chip logici di questo tipo. Il finanziamento contribuirà a fare avanzare i progetti di ricerca e sviluppo e di espansione degli impianti nei siti di Intel in Arizona, New Mexico, Ohio e Oregon.

Intel prevede di investire nei progetti statunitensi nei prossimi 5 anni oltre 100 miliardi di dollari. È l’ultimo esempio di come il governo federale utilizzi il proprio denaro per rimodellare un settore che considera cruciale per la sicurezza nazionale.

“Oggi è un momento decisivo per gli Stati Uniti e per Intel mentre lavoriamo per alimentare il prossimo grande capitolo dell’innovazione americana dei semiconduttori”, ha affermato Pat Gelsinger, CEO di Intel. “L’intelligenza artificiale sta potenziando la rivoluzione digitale e tutto ciò che è digitale ha bisogno di semiconduttori. Il sostegno del CHIPS Act contribuirà a garantire che Intel e gli Stati Uniti rimangano in prima linea nell’era dell’intelligenza artificiale mentre costruiamo una catena di fornitura di semiconduttori resiliente e sostenibile per alimentare il futuro della nostra nazione”.

“Non c’è nessuno che si preoccupi più del presidente Biden di rivitalizzare il settore manifatturiero americano, e l’annuncio di oggi rappresenta un enorme passo avanti verso la garanzia della leadership americana nel settore manifatturiero per il 21° secolo. Con questo accordo, stiamo contribuendo a incentivare oltre 100 miliardi di dollari di investimenti da parte di Intel, segnando uno dei più grandi investimenti mai realizzati nella produzione di semiconduttori negli Stati Uniti, che creerà oltre 30.000 posti di lavoro ben retribuiti e innescherà la prossima generazione di innovazione”, ha affermato il Segretario degli Stati Uniti. del Commercio Gina Raimondo. “Questo annuncio è il culmine di anni di lavoro da parte del presidente Biden e degli sforzi bipartisan del Congresso per garantire che i chip avanzati di cui abbiamo bisogno per garantire la nostra sicurezza economica e nazionale siano prodotti negli Stati Uniti”



Secondo il memorandum d’intesa, Intel avrà anche la possibilità di attingere a prestiti federali fino a 11 miliardi di dollari. Intel prevede inoltre di richiedere il credito d’imposta sugli investimenti (ITC) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, che si prevede rappresenterà fino al 25% degli investimenti qualificati di oltre 100 miliardi di dollari in cinque anni. Il PMT prevede che il finanziamento diretto e i prestiti federali siano soggetti a due diligence e condizionati al raggiungimento di determinati traguardi e rimangano soggetti alla disponibilità di fondi.

Il mese scorso l’amministrazione Biden aveva annunciato una sovvenzione di 1,5 miliardi di dollari a favore delle attività statunitensi della società GlobalFoundries.

Leadership tecnologica

La strategia di Intel è incentrata su tre elementi fondamentali: stabilire la leadership nella tecnologia di processo, costruire una catena di fornitura globale di semiconduttori più resiliente e sostenibile e creare un’attività di fonderia di livello globale, tutti in linea con gli obiettivi del CHIPS Act per promuovere la produzione di semiconduttori avanzati negli Stati Uniti.

Oltre ai suoi significativi investimenti per espandere la capacità produttiva negli Stati Uniti, Intel è sulla buona strada per fornire cinque nodi di processo di semiconduttori in quattro anni e prevede di tornare alla leadership nella tecnologia di processo entro il 2025 con Intel 18A. Intel ha recentemente annunciato una roadmap estesa della tecnologia di processo che aggiunge il più avanzato Intel 14A alla roadmap dei nodi all’avanguardia dell’azienda, oltre a diverse evoluzioni di nodi specializzati.

Investimenti nel settore manifatturiero e in ricerca e sviluppo negli Stati Uniti

Intel è impegnata a portare avanti gli sforzi degli Stati Uniti per riconquistare la propria posizione di leadership in questo settore vitale attraverso i suoi investimenti per espandere le capacità di produzione di chip. Il CHIPS Act ha proposto che i finanziamenti sosterrebbero gli investimenti di Intel in Arizona, Nuovo Messico, Ohio e Oregon.

Intel impiega attualmente quasi 55.000 persone negli Stati Uniti, sostiene indirettamente oltre 720.000 posti di lavoro americani e contribuisce con oltre 102 miliardi di dollari all’anno al PIL statunitense. Con il sostegno dei finanziamenti del CHIPS Act, si prevede che gli investimenti statunitensi pianificati da Intel creeranno più di 10.000 nuovi posti di lavoro permanenti presso Intel e quasi 20.000 posti di lavoro nel settore edile, e sosterranno indirettamente più di 50.000 posti di lavoro presso fornitori e industrie di supporto.

Talenti nei semiconduttori e produzione sostenibile

Per soddisfare la crescente domanda di futuri talenti nel settore dei semiconduttori, Intel sta promuovendo partnership innovative con il governo e il mondo accademico per creare un ecosistema solido e diversificato di talenti qualificati nel settore dei semiconduttori, fondamentale per il successo dell’intero settore dei semiconduttori e dell’economia statunitense. Intel ha annunciato un investimento di 100 milioni di dollari nel 2022 per espandere le opportunità di istruzione, ricerca e formazione della forza lavoro in tutta la nazione.
Questo investimento include una partnership da 50 milioni di dollari con la National Science Foundation e 50 milioni di dollari per finanziare il Semiconductor Education and Research Program (SERP) per l’Ohio, un programma collaborativo e multi-istituto progettato per supportare direttamente gli investimenti di Intel nel Silicon Heartland.

Intel riconosce che le catene di fornitura resilienti devono essere anche sostenibili e l’azienda si impegna a diventare la fonderia di semiconduttori più sostenibile del settore. Intel attualmente utilizza il 100% di elettricità rinnovabile negli stabilimenti e in altre attività negli Stati Uniti e ha recentemente raddoppiato il suo impegno per raggiungere il 100% di elettricità rinnovabile in tutto il mondo entro il 2030.
Inoltre, Intel ha obiettivi ambiziosi di raggiungere acqua netta positiva e zero rifiuti nelle discariche entro il 2030, l’azzeramento delle emissioni di gas serra (GHG) Scope 1 e 2 entro il 2040 e l’azzeramento delle emissioni nette upstream Scope 3 entro il 2050. Il 19 e 20 marzo Intel ha riunito più di 100 aziende della sua catena del valore, insieme a organizzazioni non governative e rappresentanti del governo e del mondo accademico, per un vertice globale sulla sostenibilità Intel incentrato sulla definizione di un approccio unitario per ridurre l’impronta ambientale collettiva del settore.