martedì, Giugno 25, 2024
HomeAZIENDEAttualitàSmart Power Fab di Dresda: Infineon prevede l’inizio della produzione nel 2026

Smart Power Fab di Dresda: Infineon prevede l’inizio della produzione nel 2026

Infineon Smart Power Fab di Dresda

Infineon annuncia di aver ricevuto l’ultima licenza edilizia per la fase finale di costruzione del suo fab da 300 mm in costruzione a Dresda, Germania. L’azienda sta rispettando i tempi previsti e prevede di iniziare la produzione nel 2026.

Infineon Technologies annuncia di essere in linea con i tempi previsti per la costruzione della Smart Power Fab a Dresda e sta per avviare la fase di costruzione finale. Nel corso di una visita, il primo ministro del Libero Stato di Sassonia, Michael Kretschmer, ha consegnato ufficialmente l’ultimo permesso di costruzione pendente per il nuovo stabilimento rilasciato dalla Direzione dello Stato della Sassonia.
Lo scavo della fossa di costruzione è ormai terminato. Attualmente procedono i lavori di costruzione grezza e dell’edificio sulla fondazione in cemento, che ha uno spessore fino a due metri. Infineon ha ufficialmente avviato i lavori per il nuovo stabilimento di Dresda nel maggio 2023. L’inizio della produzione è previsto nel 2026. La produzione si concentrerà sui semiconduttori che promuovono la decarbonizzazione e la digitalizzazione.

Con un investimento totale di cinque miliardi di euro, l’azienda contribuisce in modo significativo all’obiettivo della Commissione Europea di aumentare la quota dell’UE nella produzione globale di semiconduttori al 20% entro il 2030. I semiconduttori fabbricati a Dresda garantiranno le future catene del valore nelle principali industrie europee. I prodotti realizzati nel nuovo impianto produttivo saranno utilizzati nell’industria automobilistica ed in quella delle energie rinnovabili. L’interazione di semiconduttori di potenza e componenti analogici e a segnale misto consente soluzioni di sistema particolarmente efficienti dal punto di vista energetico, nonché intelligenti – da qui il nome Smart Power Fab.

I commenti

“La costruzione della Smart Power Fab è una grande vittoria per Dresda, la Sassonia, la Germania e l’Europa“, afferma Michael Kretschmer, primo ministro del Libero Stato di Sassonia. “Il quarto modulo di produzione di Infineon a Dresda è un altro importante elemento per rafforzare la resilienza dell’Europa nel campo della microelettronica. Si tratta di un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento dell’obiettivo della Commissione Europea di aumentare la quota europea della produzione globale di chip al 20%.
Grazie a una cooperazione ponderata tra l’azienda, il Libero Stato di Sassonia, le autorità locali e il governo federale è stato possibile far decollare l’investimento e rilasciare rapidamente le relative autorizzazioni. Di conseguenza, i semiconduttori di cui abbiamo urgentemente bisogno per mobilità e transizione energetica potranno essere prodotti nella nuova fabbrica a partire dal 2026.”



“Stiamo facendo ottimi progressi con la costruzione della nostra modernissima Smart Power Fab a Dresda. Stiamo rispettando i tempi previsti anche grazie all’eccellente collaborazione con le autorità“, afferma il Dr. Rutger Wijburg, membro del Consiglio di amministrazione e Direttore operativo di Infineon. “Con la nostra decisione strategica di continuare a investire a Dresda, stiamo garantendo il futuro a lungo termine del sito e rafforzando la base produttiva di semiconduttori in Europa.”

Smart Power Fab: un enorme cantiere

Le dimensioni del cantiere sono impressionanti. In media, dall’inizio dei lavori, ogni giorno i lavoratori edili hanno rimosso circa 8.000 tonnellate di terreno. Sono stati prodotti complessivamente 450.000 metri cubi di terreno di scavo, che corrispondono al volume di 180 piscine olimpioniche. Il terreno viene temporaneamente immagazzinato in un’area appositamente preparata vicino allo svincolo autostradale dell’aeroporto di Dresda.
La fossa profonda 22 metri non solo compensa la pendenza naturale, ma fornisce anche una solida base per la piastra di base spessa da 150 a 190 centimetri, che dovrebbe ridurre le vibrazioni, ad esempio quelle dei tram in transito, a un livello minimo. Anche le vibrazioni minime possono infatti influenzare la sensibile produzione dei semiconduttori.

Nella successiva fase verranno realizzati i livelli interrati ed altri livelli. Al quarto livello è prevista la clean room, il cuore della Smart Power Fab. Una volta completato, l’edificio sarà esattamente alla stessa altezza delle tre unità produttive esistenti nell’area. Ciò ottimizzerà una produzione integrata. La futura fase di costruzione del progetto prevede un totale di dieci gru a torre, alcune delle quali alte 80 metri, per supportare fino a 1.200 operai edili che lavoreranno nel cantiere ogni giorno su più turni.

Un investimento strategico

L’investimento a Dresda fa parte della strategia dell’azienda per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030. Lo Smart Power Fab stabilisce nuovi standard di efficienza per il consumo di risorse importanti come energia e acqua. Ciò ha un impatto positivo sull’impronta di carbonio di Infineon. Ancora oggi, i prodotti Infineon, utilizzati negli impianti di energia solare ed eolica, riducono di 34 volte la quantità di CO2 emessa durante la loro produzione nel corso del loro ciclo di vita.

Con l’investimento nel nuovo stabilimento, Infineon crea altri 1.000 posti di lavoro nella capitale della Sassonia. L’azienda impiega attualmente circa 3.250 persone a Dresda. Il numero dei tirocinanti è già stato notevolmente aumentato con il nuovo Fab. Fatta salva la decisione sugli aiuti di Stato della Commissione europea e la procedura di sovvenzione nazionale, il progetto sarà finanziato in conformità con gli obiettivi dell’European Chips Act. L’azienda punta ad un finanziamento pubblico di circa un miliardo di euro.

Infineon Automotive Technology Day a Milano il 25 giugno

Infineon Technologies organizza il 25 giugno 2024 a Milano un evento di un giorno interamente dedicato alle tecnologie automobilistiche di cui l’azienda è uno dei leader mondiali.

Presso l’Hotel Melia, in via Masaccio 19, Milano, i partecipanti avranno l’opportunità di esplorare gli ultimi progressi nella tecnologia dei semiconduttori e il loro impatto sull’industria automobilistica in numerosi ambiti, dall’elettrificazione alla guida autonoma.