domenica, Luglio 14, 2024
HomeAZIENDEInfineon estende il portafoglio di memorie resistenti alle radiazioni con le prime...

Infineon estende il portafoglio di memorie resistenti alle radiazioni con le prime F-RAM da 1 e 2 Mb del settore qualificate per lo spazio

F-RAM Infineon per lo spazio

I dispositivi F-RAM sono intrinsecamente resistenti e la tecnologia è ideale per le applicazioni spaziali che storicamente hanno utilizzato dispositivi di archiviazione non volatile EEPROM, più lenti e meno robusti.

Le applicazioni spaziali rappresentano un’area importante per Infineon Technologies, ​​poiché i prodotti dell’azienda vengono utilizzati nei satelliti, negli strumenti dei rover marziani e nei telescopi spaziali, ove è richiesta la massima affidabilità anche nelle condizioni più avverse.

Infineon ha annunciato oggi la disponibilità dei primi dispositivi di memoria non volatile con RAM ferroelettrica (F-RAM) con interfaccia parallela da 1 e 2 Mb resistenti alle radiazioni (rad hard). Queste aggiunte all’ampio portafoglio di memorie di Infineon sono caratterizzate da affidabilità e resistenza insuperabili, con un massimo di 120 anni di conservazione dei dati a 85 gradi Celsius, insieme ad accesso casuale e scrittura della memoria completa alle velocità del bus.

I dispositivi F-RAM Infineon sono intrinsecamente resistenti e la tecnologia è ideale per i requisiti di missione in evoluzione delle applicazioni spaziali che storicamente hanno utilizzato dispositivi di archiviazione non volatile EEPROM più lenti e meno robusti. Le caratteristiche includono un accesso casuale alla memoria più veloce, una migliore sicurezza dei dati con tecnologia di scrittura istantanea non volatile e basso consumo, con tensione di programmazione estremamente bassa fino a 2 V e corrente operativa massima di 20 mA.



“Poiché sempre più applicazioni spaziali sono progettate per elaborare i dati sul sistema e non a terra tramite telemetria, vi è una crescente domanda di memoria non volatile ad alta affidabilità per lavorare in tandem con processori spaziali e FPGA per applicazioni di registrazione dati“, ha affermato Helmut Puchner, vicepresidente, membro del settore aerospaziale e della difesa, Infineon Technologies. “Infineon ha introdotto i primi dispositivi F-RAM SPI per questo mercato nel 2022 e l’aggiunta di dispositivi di interfaccia parallela riflette il nostro impegno nel fornire soluzioni best-in-class, altamente affidabili e flessibili per i requisiti spaziali di prossima generazione”.

Le applicazioni target per i dispositivi F-RAM di Infineon includono l’archiviazione di dati per sensori e strumenti, la registrazione dei dati per la calibrazione, l’archiviazione sicura di chiavi per la crittografia dei dati e l’archiviazione del codice di avvio. Oltre allo spazio esterno, sono adatti anche per applicazioni avioniche e altre applicazioni che richiedono gradi di temperatura con standard militare (da -55°C a 125°C).

Come la versione SPI, la composizione chimica dei nuovi dispositivi F-RAM con interfaccia parallela di Infineon si traduce in eccezionali caratteristiche di memoria non volatile, inclusa la commutazione istantanea dello stato atomico, invece di una carica intrappolata per programmare i bit nelle tecnologie EEPROM. La F-RAM è intrinsecamente immune agli errori soft e agli effetti del campo magnetico o delle radiazioni. Non è necessario che il software gestisca i limiti delle pagine mentre la durata quasi infinita (1013 cicli di scrittura) rende superfluo il controllo dell’usura.

I dispositivi paralleli sono disponibili in TSOP ceramico a 44 conduttori e i dispositivi qualificati QML-V hanno prestazioni di radiazione superiori:

  • TID: >150 Krad (Si)
  • SEL: >96 MeV·cm2 /mg @115°C
  • SEU: immune
  • SEFI: <1.34 * 10-4 err / dev.day (active/standby) / Immune (sleep mode)

Disponibilità

Il portafoglio completo di memorie non volatili F-RAM, inclusi dispositivi SPI da 2 Mb e dispositivi paralleli da 1 e 2 Mb, è già disponibile.

Ulteriori informazioni al seguente link: www.infineon.com/1and2MbFRAM