giovedì, Novembre 30, 2023
HomeIN EVIDENZAVantaggi e vulnerabilità della catena di fornitura globale dei semiconduttori in uno...

Vantaggi e vulnerabilità della catena di fornitura globale dei semiconduttori in uno studio SIA/ Boston Consulting Group

Sebbene la specializzazione geografica abbia promosso l’innovazione e mantenuto bassi i costi per i consumatori, ha anche creato rischi per la catena di approvvigionamento che dovrebbero essere affrontati attraverso incentivi governativi per aumentare la produzione di chip interna. 

È quanto sostiene lo studio della Semiconductor Industry Association (SIA), in collaborazione con Boston Consulting Group (BCG) che analizza i vantaggi e le vulnerabilità della catena di fornitura globale dei semiconduttori e raccomanda azioni governative per assicurarne forza e resilienza. Il rapporto, intitolato “Rafforzamento della catena di fornitura globale dei semiconduttori in un’era incerta“, rileva che mentre l’attuale struttura della catena di fornitura globale dei semiconduttori basata sulla specializzazione geografica ha consentito un’enorme innovazione, produttività e risparmi sui costi negli ultimi 30 anni, recentemente sono emerse vulnerabilità che devono essere affrontate con azioni governative, compresi gli incentivi per il finanziamento della ricerca e della produzione nazionale di chip.

“I semiconduttori hanno consentito il più grande periodo di progresso tecnologico nella storia umana e saranno assolutamente essenziali per le innovazioni che alimenteranno l’economia americana, la sicurezza nazionale e le infrastrutture critiche per gli anni a venire”, ha affermato Bob Bruggeworth, Presidente, CEO e Direttore di Qorvo e presidente del consiglio di amministrazione di SIA. “Gli investimenti del governo degli Stati Uniti nella produzione e nella ricerca di semiconduttori nazionali aiuteranno ad affrontare le vulnerabilità nella catena di approvvigionamento e assicureranno che una maggior parte dei chip essenziali di cui il nostro paese ha bisogno siano prodotti a livello nazionale”.

Questi i principali risultati dello studio:

a) La catena di fornitura globale di semiconduttori altamente specializzata ha supportato la continua innovazione tecnologica del settore, avvantaggiato i consumatori e fornito un valore enorme. Un’ipotetica alternativa con catene di approvvigionamento locali completamente autosufficienti in ciascuna regione richiederebbe almeno $ 1 trilione di investimenti iniziali incrementali e comporterebbe un aumento complessivo dal 35% al ​​65% dei prezzi dei semiconduttori, con conseguente aumento dei costi dei dispositivi elettronici per i consumatori.  

Immagine: SIA/Boston Consulting Group

b) La specializzazione geografica ha creato vulnerabilità nella catena di fornitura globale dei semiconduttori. Ci sono più di 50 punti lungo la catena del valore in cui una regione detiene più del 65% della quota di mercato globale. Si tratta di potenziali singoli punti di guasto che potrebbero essere interrotti da disastri naturali, arresti delle infrastrutture o conflitti internazionali e possono causare gravi interruzioni nella fornitura di chip essenziali. Circa il 75% della capacità produttiva globale di semiconduttori, ad esempio, è concentrata in Cina e nell’Asia orientale, una regione notevolmente esposta a un’elevata attività sismica e tensioni geopolitiche. Inoltre, 100% della capacità di produzione di semiconduttori più avanzata al mondo (inferiore a 10 nanometri) si trova attualmente a Taiwan (92%) e in Corea del Sud (8%). Questi chip avanzati sono essenziali per l’economia americana, la sicurezza nazionale e le infrastrutture critiche. Uno scenario ipotetico estremo di completa interruzione delle fonderie taiwanesi per un anno potrebbe causare l’arresto della catena di fornitura dell’elettronica globale, creando significative interruzioni economiche globali. Se tale ipotetica interruzione completa dovesse diventare permanente, potrebbero essere necessari un minimo di tre anni e un investimento di 350 miliardi di dollari per costruire una capacità sufficiente nel resto del mondo per sostituire le fonderie taiwanesi.  

Immagine: SIA/Boston Consulting Group

c) È dunque necessaria un’azione del governo per affrontare le vulnerabilità nella catena di fornitura globale dei semiconduttori per garantirne la forza e la resilienza a lungo termine. Per ridurre il rischio di gravi interruzioni dell’offerta globale, il governo degli Stati Uniti dovrebbe attuare programmi di incentivi guidati dal mercato per ottenere un’impronta geografica più diversificata. Questi incentivi dovrebbero mirare ad espandere la capacità di produzione di semiconduttori negli Stati Uniti e ad ampliare l’offerta di alcuni materiali critici. Ad esempio, la capacità aggiuntiva di tali incentivi consentirebbe agli Stati Uniti di soddisfare la domanda interna di chip logici avanzati utilizzati nella difesa, nell’aerospaziale e nelle infrastrutture critiche. 

Immagine: SIA/Boston Consulting Group

Il rapporto chiede inoltre le seguenti azioni del governo per promuovere la resilienza della catena di approvvigionamento a lungo termine:

  • Garantire parità di condizioni a livello mondiale per le imprese nazionali ed estere, nonché una forte protezione dei diritti di proprietà intellettuale;
  • Promuovere il commercio globale e la collaborazione internazionale su R&S e standard tecnologici;
  • Investire nella ricerca di base, nell’istruzione STEM e nello sviluppo della forza lavoro;
  • Promuovere politiche di immigrazione che consentano ai principali cluster globali di semiconduttori di attrarre talenti di livello mondiale; 
  • Stabilire un quadro chiaro e stabile per controlli mirati sul commercio di semiconduttori che evitino ampie restrizioni unilaterali su tecnologie e fornitori.

“La carenza globale di semiconduttori è un chiaro promemoria dei rischi di interruzioni della catena di approvvigionamento e della necessità per il governo degli Stati Uniti di agire rapidamente per investire nella produzione e nella ricerca di chip nazionali“, ha affermato John Neuffer, presidente e CEO di SIA. “Non vediamo l’ora di lavorare con i leader del Congresso e dell’amministrazione per promuovere la produzione e l’innovazione di semiconduttori negli Stati Uniti in modo che l’America rimanga al top in questa tecnologia fondamentale”.

Il rapporto completo può essere scaricato qui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

NOMINE

DISTRIBUZIONE

PARTNERSHIP