domenica, Luglio 21, 2024
HomeMERCATINews semiconduttori e mercati del 31 marzo 2021

News semiconduttori e mercati del 31 marzo 2021

AMERICA & GLOBAL

Al centro dell’interesse degli investitori – mercoledì 31 marzo – la presentazione da parte del presidente Biden del nuovo pacchetto di spesa da 2,3 trilioni di dollari destinato alle infrastrutture, un piano che dovrebbe essere finanziato in parte con un aumento della tassazione degli utili aziendatli. Un pacchetto che suscita qualche timore per le possibili conseguenze sull’inflazione, dopo la recente approvazione di un altro stock di spesa da 1,9 trilioni di aiuti a sostegno delle aziende e dei cittadini colpiti dal Covid. Il piano prevede anche 100 miliardi di contributi per lo sviluppo e il rafforzamento delle reti di comunicazioni che è stato accolto con favore dalle società tecnologiche che ieri hanno guidato i guadagni in borsa. Complice anche un rendimento dei titoli di Stato che è rimasto stabile.

Alla conclusione delle contrattazioni il Nasdaq Composite ha guadagnato l’1,54% a quota 13.246 punti, l’S&P 500 è salito dello 0,36% a quota 3.972 punti e il Dow Jones ha perso lo 0,26% a quota 32.981 punti.

In evidenza tutti i tecnologici, in particolare Tesla che guadagna il 5,08% a quota 667,93 dollari, Facebook che sale del 2,27% e Apple che guadagna l’1,88% a quota 122,15 dollari.

Bene anche Alphabet (+0,78%), Twitter (+1,02%), Microsoft (+1,69%), Netflix (+1,61%) e Amazon (+1,27%).

Ottime le performance dell’industria dei semiconduttori il cui indice, il PHLX Semiconductor (SOX) ha guadagnato il 2,64% a quota 3.124 punti.

In evidenza ancora una volta le aziende che producono impianti e forniscono servizi ai produttori di semiconduttori come Applied Materials (+5,40%), KLA Corporation (+4,20%) e Lam Research (+3,96%); guadagnano molto anche ON Semiconductor (+4,36%) e NVIDIA (+3,70%).

Tra le aziende più importanti, Qualcomm guadagna l’1,91%, Intel sale dello 0,36%, NXP Semiconductors avanza dell’1,81%, Texas Instruments sale dell’1,64% e Micron guadagna l’1,93%.

Dopo la chiusura dei mercati, Micron ha presentato i dati relativi al secondo trimestre fiscale 2021 (FQ2-21) che si è chiuso al 4 marzo 2021 evidenziando vendite per 6,24 miliardi di dollari contro 5,77 miliardi di dollari del trimestre precedente e 4,80 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. L’utile netto GAAP è stato di 603 milioni di dollari equivalenti a 0,53 dollari per azione.

Impressionante il flusso di cassa operativo pari a 3,06 miliardi contro 1,97 miliardi del trimestre precedente e 2,00 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso.

Nell’after hours il titolo è salito del 5% circa.

Per quanto riguarda i prodotti, Silicon Motion Technology Corporation ha annunciato che la sua nuova soluzione di controller SD Express SM2708 è in grado di supportare le specifiche SD 8.0 ed è compatibile con le versioni precedenti della specifica SD 7.1.

Immagine: Silicon Motion Technology

Con l’interfaccia PCIe Gen 3×2 e NVMe 1.3, la soluzione controller SM2708 SD Express è destinata ad applicazioni Ultra-High Performance in una varietà di settori. La soluzione SM2708 supporta le più recenti funzionalità 3D NAND e la tecnologia proprietaria NANDXtend ECC di Silicon Motion, oltre ad implementare la protezione del percorso dati e il firmware programmabile per massimizzare l’affidabilità e l’efficienza.

Il kit di sviluppo per SM2708 è già disponibile insieme al firmware che garantisce prestazioni elevatissime con funzionalità leader del settore, tra cui:

  • Corsie PCIe Gen3x2 ad alte prestazioni, conformità NVMe 1.3
  • Supporto per 2 canali Flash con 8CE
  • Compatibile con l’ultima 3D NAND
  • Supporta ONFI 4.1 / 3.0, Toggle 3.0 / 2.0, Frequenze fino a 1200 MT/S
  • Tecnologia NANDXtend ECC: motore ECC (Error Correction Code) LDPC ad alte prestazioni con RAID
  • Consumo energetico inferiore a 1,5 mW


ASIA

Borse asiatiche deboli sulla scia della chiusura di martedì di Wall Street. E ciò nonostante i buoni dati provenienti dalla Cina dove l’indice Pmi è cresciuto a 51,9 punti. In Giappone, invece la produzione industriale è scesa a febbraio del 2,1% a causa principalmente del rallentamento dell’industria automobilistica dovuto alla carenza di semiconduttori.

In Cina l’indice Shanghai Composite è arretrato dello 0,43% mentre lo Shenzhen Composite ha perso lo 0,52%.

L’Hang Seng di Hong Kong perde lo 0,70% a quota 28.378 con gli indici tecnologici contrastati. Dopo una serie di pesanti perdite, guadagna il 6,61% la matricola Baidu.

Lieve perdita per il KOSPI coreano (-0,28%) con SK hynix che perde l’1,49%.

A Taiwan arretra dello 0,75% il Taiex con le principali aziende di semiconduttori tutte in calo: UMC perde lo 0,79% e TSMC arretra dell’1,68%.

In Giappone perde lo 0,86% l’indice Nikkei 225 con tutte le aziende di semiconduttori che chiudono intorno alla parità con variazioni minime.

Per quanto riguarda i nuovi prodotti, Renesas Electronics ha annunciato oggi l’espansione dei suoi microcontrollori (MCU) della serie RA6 con 20 nuovi MCU del gruppo RA6M5, completando la linea di dispositivi della serie RA6.

Immagine: Renesas Electronics.

I nuovi microcontrollori offrono una vasta gamma di opzioni di comunicazione, una generosa memoria on-chip e le migliori funzionalità di sicurezza di Renesas, consentendo ai clienti di creare progetti IoT nuovi e innovativi.

I nuovi prodotti presentano numerose opzioni per la comunicazione, tra cui CAN FD, Ethernet MAC con DMA, USB Full Speed e High Speed e un gran numero di interfacce seriali. I progettisti di sistemi IoT hanno una flessibilità impareggiabile nella condivisione dei dati critici utilizzando il gruppo RA6M5.

I nuovi microcontrollori integrano fino a 2 MB di Flash e 512 KB di RAM on-chip, sufficienti per supportare un’ampia gamma di applicazioni. Forniscono un’interfaccia OctaSPI che consente ai progettisti di estendere ulteriormente la Flash e la RAM a bordo. Supportano anche il codice di correzione degli errori (ECC) nella RAM. La funzione di scambio dei blocchi di memoria insieme alla sicurezza intrinseca incorporata nei dispositivi della famiglia RA, rende il gruppo RA6M5 la scelta migliore per le applicazioni in cui sono richiesti aggiornamenti del firmware sul campo. Dopo che il nuovo firmware è stato scritto nella Flash utilizzando il funzionamento in background (BGO), è possibile scambiare una quantità selezionabile di blocchi Flash da 32kB sul nuovo firmware.

Il gruppo RA6M5 è supportato dal Flexible Software Package (FSP) di facile utilizzo che include driver HAL. L’FSP utilizza una GUI per semplificare e accelerare notevolmente il processo di sviluppo, semplificando allo stesso tempo la transizione dei clienti da design con MCU a 8/16 bit. I progettisti che utilizzano gli MCU RA6M5 hanno anche accesso all’ampio ecosistema di partner Arm, che offre un’ampia gamma di tools che aiutano ad accelerare il time-to-market.

Gli MCU RA6M5 funzionano perfettamente con le offerte analogiche e di alimentazione complementari di Renesas al fine di creare soluzioni complete per una varietà di applicazioni. Queste “Winning Combinations” mostrano le capacità uniche degli MCU RA6M5 e l’ampiezza e la profondità della linea di prodotti Renesas. Ad esempio, RA6M5 è integrato in una soluzione di Voice Recognition and Smart Control, insieme alla parte di alimentazione, di transceiver e di isolamento di Renesas. Molteplici applicazioni con dispositivi della famiglia RA, oltre a numerose altre soluzioni Renesas, possono essere trovate su www.renesas.com/win.

I microcontrollori RA6M5 e l’Evaluation Kit EK-RA6M5 (p/n RTK7EKA6M5S00001BE) sono già disponibili da Renesas e dai rivenditori autorizzati facenti parte della rete mondiale di distribuzione. Ulteriori informazioni al seguente link.

EUROPA

Poco posse o leggermente in calo le borse europee con lo STOXX Europe 600 che arretra dello 0,24%. A Milano l’FTSE MIB guadagna lo 0,04%.

Tutti positivi i titoli dei semiconduttori in Europa sulla scia delle indicazioni provenienti nel pomeriggio da Wall Street.

STMicroelectronics guadagna l’1,94%, Infineon Technologies sale dell’1,70%, ASML avanza dello 0,70% e ams guadagna l’1,40%.