lunedì, Maggio 20, 2024
HomeAZIENDEAttualitàRenesas riavvia gli impianti nello stabilimento di Naka e prevede di riprendere...

Renesas riavvia gli impianti nello stabilimento di Naka e prevede di riprendere la piena produzione entro maggio

Un mese esatto dopo l’incendio che ha causato gravi danni allo stabilimento N3 di Naka, riprende lentamente la produzione di semiconduttori che tornerà alla completa normalità entro il mese di maggio.

Renesas Electronics ha ripreso la produzione di semiconduttori nella sua fabbrica di Naka il 17 aprile, ad un mese esatto dall’incendio che ha bloccato la linea per la lavorazione di wafer da 300 mm destinata prevalentemente alla produzione di circuiti integrati per il mercato automobilistico.

Lo ha dichiarato oggi in una conferenza stampa Hidetoshi Shibata, presidente e CEO di Renesas, che ha sottolineato come le promesse della società che aveva annunciato la ripresa dell’attività entro un mese siano state rispettate.

Rispetto alla capacità di produzione prima dell’incendio, la ripresa delle lavorazioni è stata caratterizzata dalla cautela, con una capacità di circa il 10%“, ha detto Shibata.

Renesas mira ad espandere la capacità di produzione al 30% questa settimana, al 50% questo mese e al 100% a maggio, ha dichiarato ancora Shibata.

Le case automobilistiche, in particolare i marchi giapponesi, hanno seguito da vicino i piani di Renesas per ripristinare la produzione nella fabbrica di Naka, in un momento in cui c’è una forte carenza di semiconduttori, in particolare di quelli per impiego automobilistico, una carenza che ha costretto molti produttori globali a bloccare alcune linee di produzione per periodi più o meno lunghi.

L’ultimo, in ordine di tempo, riguarda il grande stabilimento Nissan Motor in Gran Bretagna, dove 800 dei 6.000 lavoratori sono stati messi in cassa integrazione per lo stop ad alcune linee di assemblaggio a seguito della carenza di semiconduttori.

Renesas ha cercato di limitare i danni incrementando la produzione in outsourcing che normalmente copre il 30% circa delle vendite della società; è probabile che questa produzione supplementare “contribuisca più velocemente e con volumi più alti” a compensare la mancata produzione dell’impianto di Naka, ha aggiunto Shibata.

Renesas si aspettava che il 90% dei prodotti fabbricati a Naka potesse essere realizzato in altri impianti, tuttavia l’ultima stima ha evidenziato che questa opzione è praticabile per il 98% dei chip.

I nostri fornitori e partner, in Giappone e all’estero, ci hanno fornito un supporto incredibile dando la priorità alle nostre esigenze. La riapertura della fabbrica in tempi così brevi è un vero e proprio miracolo.” ha concluso Shibata che non ha saputo quantificare l’impatto economico di questo evento sui conti della società.

Anche a seguito di queste dichiarazioni, lunedì il titolo ha guadagnato alla borsa di Tokyo il 4,30%.