giovedì, Maggio 23, 2024
HomeMERCATINews semiconduttori e mercati del 9 aprile 2021

News semiconduttori e mercati del 9 aprile 2021

AMERICA & GLOBAL

Altra giornata positiva – venerdì 9 aprile 2021 – per le borse americane che accelerano nel finale facendo segnare nuovi record. In particolare, l’S&P 500, spinto dai colossi tecnologici, mette a segno il terzo record settimanale consecutivo.

Nel suo complesso, sono tre settimane che la borsa americana chiude positiva come non accadeva da sei mesi. Sembra che i mercati stiano già scontando l’arrivo di nuovi report trimestrali più che positivi la cui diffusione inizierà dalla settimana prossima.

Il buon andamento è anche frutto di una campagna vaccinale che prosegue al ritmo di oltre 4 milioni di inoculazioni al giorno, della stabilità dei mercati obbligazionari e del dollaro, dell’annunciato piano di rilancio delle infrastrutture e, soprattutto, delle rassicurazioni della Fed che ha ribadito che la banca centrale continuerà con misure volte a sostenere la ripresa.

Protagonisti indiscussi della settimana i giganti della tecnologia mentre, venerdì, dopo nuovi record settimanali, arretra dello 0,20% l’indice SOX dei semiconduttori.

Alla chiusura delle contrattazioni l’S&P 500 guadagna lo 0,77% a 4.128 punti, nuovo record assoluto, il Dow Jones avanza dell’0,89% a quota 33.800 punti, altra quotazione record, e il Nasdaq Composite sale dello 0,51% a quota 13.900 punti, molto vicino alla quotazione record del 12 febbraio.

Tra i tecnologici, in evidenza Apple (+2,02%) a quota 133,00 dollari per azione, Amazon (+2,21%), Microsoft (+1,03%) e Alphabet (+0,90).

In leggero calo Facebook (-0,18%), Twitter (-0,07%) e Tesla che chiude a 677,02 dollari per azione (-0,99%).

L’indice dei semiconduttori, il PHLX Semiconductor (SOX) chiude a 3,294 punti in calo dello 0,20%.

Tra i titoli che perdono di più, da segnalare Xilinx (-2,30%), Brooks Automation (-2,70%) e Cree (-3,39%).

In controtendenza Intel che guadagna l’1,80% a quota 68,26 dollari per azione.

Tra i titoli più importanti, AMD perde lo 0,71%, NVIDIA guadagna lo 0,58%, Applied Materials arretra dello 0,32%, Qualcomm guadagna lo 0,16% e TSMC arretra dello 0,51%.

In giornata TSMC ha annunciato che le vendite nel primo trimestre del 2021 sono aumentate del 16,7% rispetto ai ricavi dell’anno scorso raggiungendo la cifra record di 362,41 miliardi di dollari taiwanesi (12,73 miliardi di dollari USA).
 

ASIA

Giornata negativa per le borse asiatiche, in particolare per quelle cinesi, mentre rimbalza leggermente il mercato giapponese.  Aumentano le preoccupazioni per l’aumento delle attività militari nell’area, con l’attraversamento dello stretto di Taiwan da parte del cacciatorpediniere missilistico americano USS John S. McCain (con  relative proteste cinesi), dello schieramento di nuovi caccia stealth F-35B giapponesi sull’isola di Kyushu, vicino alle isole Senkaku, nel sud-ovest del Giappone, amministrate da Tokyo ma rivendicate da Pechino, e col passaggio a sud dell’isola giapponese Danjo della portaerei cinese Liaoning.

Venerdì l’indice Shanghai Composite perde lo 0,92%; simile la perdita dello Shenzhen Composite che arretra dello 0,95%.

Ad Hong Kong perde l’1,07% l’indice Hang Seng con tutti i tecnologici negativi con l’eccezione di Tencent che guadagna lo 0,081%.

SMIC perde l’1,50%, Alibaba arretra del 2,24%, Xiaomi perde l’1,91% e Baidu arretra del 3,13%.

A Seoul arretra dello 0,36% l’indice KOSPI con Samsung che perde l’1,30% e SK Hynix che scende del 2,78%.

A Taipei l’indice Taiex perde lo 0,43%, con i titoli dei semiconduttori tutti in rosso: TSMC arretra dello 0,49%, UMC scende dell’1,85% e MediaTek perde il 2,06%.

Dopo le perdite dei giorni scorsi rimbalza il Nikke225 che guadagna lo 0,20% a quota 29.768 punti. Poco mossi gli indici dei semiconduttori con l’unita eccezione di Toshiba che perde il 5,43% dopo i forti guadagni dei giorni scorsi a seguito dell’offerta di CVC Capital Partners.

Per quanto riguarda i prodotti, Espressif Systems ha annunciato l’imminente rilascio di ESP32-C6, il suo nuovo SoC Wi-Fi 6 con Bluetooth 5 LE. Dopo aver lanciato alla fine del 2020 ESP32-C3 con funzionalità Wi-Fi 4 e Bluetooth 5 LE, la società di Shanghai aggiunge ora connettività Wi-Fi 6 alla sua serie di SoC ESP32.

ESP32-C6 integra una radio Wi-Fi 6 (802.11ax) a 2,4 GHz che supporta anche lo standard 802.11b/g/n per la compatibilità con le versioni precedenti. La capacità Wi-Fi 6 è ottimizzata per i sistemi IoT, con il dispositivo che supporta una larghezza di banda di 20 MHz nella modalità 802.11ax e una larghezza di banda di 20/40 MHz nelle modalità 802.11b/g/n. La modalità 802.11ax supporta un’interfaccia STA e offre una maggiore efficienza di trasmissione con un minore consumo energetico. Inoltre, la radio Bluetooth 5 LE supporta il funzionamento a lungo raggio con Advertisement Extension e Coded PHY e una capacità di 2 Mbps.

Per quanto riguarda la CPU, la memoria e le funzionalità di sicurezza, ESP32-C6 è simile a ESP32-C3. ESP32-C6 utilizza un microcontrollore RISC-V single-core a 32 bit con clock fino a 160 MHz; dispone di una ROM da 384 KB, una SRAM da 400 KB e funziona con flash esterna. Viene fornito con 22 GPIO programmabili, con supporto per ADC, SPI, UART, I2C, I2S, RMT, TWAI e PWM.

Lo standard 802.11ax utilizzato in ESP32-C6 contiene una varietà di funzionalità aggiuntive rispetto all’attuale standard Wi-Fi che forniscono vantaggi concreti ai dispositivi IoT. ESP23-C6 supporta il meccanismo OFDMA (Orthogonal Frequency Division Multiple Access) per le comunicazioni sia in uplink che in downlink. Supporta anche la capacità MU-MIMO per il downlink. Entrambe queste tecniche consentono di lavorare con alta efficienza e bassa latenza in ambienti wireless congestionati. Un’altra caratteristica importante dello standard 802.11ax è il Target Wake Time (TWT), che consente ai dispositivi di rimanere in modalità sleep per un periodo di tempo prolungato, con l’assistenza di un punto di accesso Wi-Fi compatibile con 802.11ax. Questa funzione in ESP32-C6 consente di progettare dispositivi alimentati a batteria che possono rimanere attivi per anni mantenendo la possibilità di connessione.

Il nuovo dispositivo di Espressif offre elevati standard di sicurezza tramite funzionalità hardware e software. ESP32-C6 viene fornito con avvio sicuro basato su RSA-3072, crittografia AES-128-XTS, firma digitale e una periferica HMAC per la protezione dell’identità, nonché acceleratori crittografici per prestazioni migliorate. Queste caratteristiche assicurano che i dispositivi progettati con ESP32-C6 saranno in grado di fornire il massimo livello di sicurezza desiderato.

ESP32-C6 è supportato dal consueto IoT Development Framework (ESP-IDF) di Espressif che consente agli sviluppatori di beneficiare della familiarità con questa collaudata piattaforma. Per quanti desiderano utilizzare ESP32-C6 come coprocessore di comunicazioni con un host esterno, saranno presto disponibili anche i firmware ESP-Hosted e ESP-AT.

 

EUROPA  

Continua il momento positivo per le borse europee con l’eccezione di Milano, condizionata da una ripresa economica che stenta a decollare.

Venerdì lo STOXX Europe 600 guadagna un altro 0,085% mentre l’FTSEMIB di Milano perde lo 0,60%.

Contrastati gli indici delle aziende europee di semiconduttori con STMicroelectronics che guadagna lo 0,53% a quota 33,31 euro, Infineon Technologies che perde lo 0,84% a quota 35,60 euro e  ams che arretra del 2,32%.

Alla borsa di Amsterdam guadagna lo 0,66% ASML mentre perde lo 0,43% NXP Semiconductors.

 

Per quanto riguarda i nuovi prodotti, Yokogawa ha lanciato un nuovo modulo sensore di corrente e aggiornato il firmware per il suo analizzatore di potenza di precisione WT5000. I miglioramenti sono progettati per aiutare le aziende a migliorare le prestazioni durante lo sviluppo o la valutazione di dispositivi elettronici come apparecchiature o sistemi relativi a veicoli elettrici (EV) o per impianti solari ed eolici.

Immagine: Yokogawa

Il nuovo modulo sensore di corrente funziona tramite l’alimentazione DC interna del WT5000, rendendo superflui gli alimentatori esterni. Ciò semplifica la configurazione per le misurazioni poiché le uniche cose necessarie sono il sensore di corrente e un cavo di collegamento.

Il nuovo modulo sensore di corrente migliora anche l’immunità ai disturbi grazie a un’alimentazione e un circuito di misurazione a basso rumore. In precedenza, la riduzione del rapporto segnale/rumore richiedeva resistori shunt esterni. Nei nuovi moduli le resistenze di shunt sono integrate e sono incluse nella schermatura dello strumento, aumentandone l’immunità ai disturbi. Inoltre, i segnali di corrente possono essere misurati con un grado di precisione maggiore, anche se molto bassi, quando si utilizza l’elemento sensore di corrente e il cavo dedicato. Un menu di navigazione passo-passo semplifica la configurazione e l’uso dei sensori di corrente.

Anche il firmware viene aggiornato, con la funzione Data Streaming che ora supporta una frequenza di aggiornamento da 50 ms a un secondo. Nella versione precedente, quando si utilizzava la funzione Data Streaming, il WT5000 offriva solo una frequenza di aggiornamento – intervallo di misurazione – di un secondo. Ciò significava che tutti i parametri elettrici, come potenza e Urms e Irms, venivano calcolati su un periodo di un secondo. Con il nuovo aggiornamento il WT5000 calcola tutti i parametri su periodi di misurazione fino a 50 ms, fornendo una migliore visione del comportamento dinamico del dispositivo in prova. Il firmware aggiornato ora offre anche una frequenza di aggiornamento di 10 ms.

Altri aggiornamenti includono miglioramenti al menu come Current Phase Correction e Amplitude Correction, che semplifica l’impostazione dei sensori esterni compensando la fase e l’errore di guadagno. Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link.