mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeMERCATINews semiconduttori e mercati del 19 maggio 2021

News semiconduttori e mercati del 19 maggio 2021

AMERICA & GLOBAL

Terzo ribasso consecutivo – mercoledì 19 maggio 2021 – per gli indici statunitense dopo una partenza da brivido e un forte recupero nel finale di giornata.

Ancora una volta prevalgono le preoccupazioni per le conseguenze di un aumento dell’inflazione sui mercati finanziari e azionari.

Protagoniste in negativo della giornata di ieri sono state le criptovalute che hanno subito un forte ridimensionamento (il bitcoin ha perso oltre il 10%) dopo che la Cina ha annunciato che queste monete non potranno più essere utilizzate per gli scambi tra istituzioni finanziarie. Questo annuncio fa seguito a quello di Tesla che non accetterà più le criptovalute per l’acquisto delle proprie vetture.

I mercati hanno registrato ieri un leggero calo del prezzo del petrolio e dei rendimenti dei T-bond, un incremento del prezzo dell’oro e un leggero rafforzamento del dollaro quotato sotto 1,22 nei confronti dell’euro.

Alla fine delle contrattazioni, il Dow Jones perde lo 0,48% a quota 33.896 punti, l’S&P 500 chiude a 4.115 punti, in calo dello 0,29%, e il Nasdaq Composite perde lo 0,029% a quota 13.299 punti.

Contrastati i tecnologici con Tesla che perde il 2,49% a 563,46 dollari e Facebook che guadagna l’1,17% a quota 313,59 dollari.

Modeste le variazioni delle altre società.

Tra tutti i comparti azionari del mercato americano, quello che guadagna di più è quello dei semiconduttori il cui indice, il PHLX Semiconductor (SOX) sale dell’1,98% a quota 2.987 punti.

In evidenza Analog Devices che guadagna il 4,96% a quota 153,12 dollari dopo la presentazione della trimestrale. Guadagnano parecchio anche Marvell (+4,85%), Microchip Technology (+3,20%) e Lattice Semiconductor (+3,20%).

Tutte positive anche le società più importanti del paniere, da Intel (+0,95%) a Micron (+1,33%), da NVIDIA (+0,36%) a Qualcomm (+1,36%), da AMD (+2,40%) a Texas Instruments (+1,59%).


ASIA

Chiuse per festività le borse di Hong Kong e Seoul, arretra la principale borsa aperta, quella di Tokyo, per i timori legati a una impennata del coronavirus, nonostante i discreti dati relativi alla produzione industriale diffusi ieri.

In Cina perde lo 0,51% l’indice Shanghai Composite mentre lo Shenzhen Composite guadagna lo 0,14%.

In leggero calo la borsa di Taipei dove arretra dello 0,082% l’indice principale Taiex. Da segnalare l’andamento altalenante di MediaTek che, dopo il forte rimbalzo di martedì, perde ieri il 5,13%.

Arretra la borsa di Tokyo dove l’indice Nikkei 225 chiude in calo dell’1,28% a quota 28.044 punti. Particolarmente penalizzati i titoli dell’industria dei semiconduttori con pesanti perdite per Renesas (-2,42%) e per Rohm (-3,52%). Arretrano anche Advantest (-1,30%), Murata (-1,48%) e Tokyo Electron (-0,73%).

Per quanto riguarda i prodotti, Renesas Electronics annuncia l’espansione della sua serie di microprocessori con i nuovi MPU RZ/V2L progettati per semplici applicazioni basate su Intelligenza Artificiale (AI).

Immagine: Renesas Electronics

Come tutti i dispositivi della serie RZ/V, i nuovi MPU integrano l’esclusivo acceleratore AI di Renesas – DRP-AI (Dynamically Reconfigurable Processor) – per rendere la embedded AI (Intelligenza Artificiale per sistemi integrati) più semplice ed efficiente in termine di consumi. Il nuovo RZ/V2L ha molte funzionalità in comune con il suo predecessore, RZ/V2M, tra queste la possibilità di effettuare inferenza AI ad alta precisione con la migliore efficienza energetica e la possibilità di personalizzazione della frequenza operativa del DRP-AI e dell’interfaccia per la memoria, adeguandole ad un MPU di tipo entry-level.

Il DRP-AI offre sia inferenza AI in tempo reale, sia possibilità di elaborazione di immagini, con le risorse necessarie per gestire la videocamera, tra cui la correzione del colore e la riduzione del rumore. Questo permette di implementare applicazioni basate su visione artificiale intelligente, come nei terminali di pagamento (POS) e nei robot aspirapolvere, senza dover aggiungere un ISP (image signal processor) esterno. Inoltre, con l’eccellente efficienza di RZ/V2L non sono più necessarie misure per la dissipazione del calore, come l’impiego di dissipatori o ventole di raffreddamento. In questo modo ora l’intelligenza artificiale può essere adottata non solo in prodotti quali videocamere di sorveglianza e strumenti industriali, ma anche in una vasta gamma di applicazioni a basso costo, per esempio nell’elettronica di consumo, domotica e nel campo degli elettrodomestici.

RZ/V2L è anche compatibile a livello di package e disposizione dei pin con i microprocessori general-purpose RZ/G2L esistenti. Questo consente agli utilizzatori di RZ/G2L di migrare facilmente a RZ/V2L per trarre vantaggio dalle funzionalità AI aggiuntive, senza bisogno di modificare la configurazione del sistema, rendendo il costo di migrazione veramente basso.

All’interno dell’ambiente di sviluppo per RZ/V2L, Renesas offre uno strumento di traduzione DRP-AI che converte automaticamente i modelli AI in un formato eseguibile. Il formato di input è lo standard industriale Open Neural Network Exchange (ONNX). Gli sviluppatori possono programmare il DRP-AI tramite gli strumenti che sono soliti utilizzare, in questo modo riescono a partire velocemente con la valutazione dei modelli di Intelligenza Artificiale basati su dati di apprendimento reali, usando RZ/V2L.

Con la serie delle “Winning combinations”, Renesas offre delle soluzioni complete per aiutare nello sviluppo rapido di un prodotto, ovvero propone dei dispositivi reciprocamente compatibili che messi insieme consentono di ridurre i rischi di progettazione. La scheda di valutazione per RZ/V2L è basata sullo standard SMARC (Smart Mobility ARChitecture) SoM (System-on-Module) Solution per permettere una veloce validazione per differenti applicazioni.

Il microprocessore RZ/V2L è già disponibile in campioni mentre la produzione in serie è prevista per Dicembre 2021. La soluzione SMARC SoM è già disponibile. Ulteriori informazioni sui prodotti MPU RZ/V2L sono disponibili al seguente link.

 

Per quanto riguarda i display, KOE (Kaohsiung Opto-Electronics), produttore di LCD di fascia industriale, ha annunciato per il 2021 un’importante evoluzione del suo portafoglio di moduli display TFT. È stata introdotta, infatti, una nuova gamma di moduli di display di medie dimensioni e ad alta risoluzione, che entrerà a far parte della produzione di massa nel corso del 2021 e che migliorerà e completerà l’attuale gamma di prodotti standard KOE.

Immagine: KOE

Cinque nuovi moduli di display TFT, tutti con tecnologia di visione in-plane switching (IPS), sono in fase di sviluppo e già disponibili in campioni. Si tratta di moduli display XGA da 10,4”, WXGA Rugged+ da 10,6”, XGA da 12,1”, WXGA da 12,1” e HD Rugged+ da 15,0”.

Questi nuovi moduli amplieranno ed espanderanno il portafoglio di prodotti standard come segue:

– una gamma di moduli di display con risoluzione XGA (1024 x 768 pixel), con rapporto 4:3, disponibili nei formati 6,4”, 10,4” e 12,1”;

– una gamma ampliata di moduli di display con risoluzione WXGA (1280 x 800 pixel), con rapporto 16:10, disponibili nei formati 7,0”, 8,0”, 10,6” e 12,1”;

– una gamma di moduli Rugged+ con risoluzione HD (1920 x 720 pixel), disponibili nei formati 10,3”, 12,3” e 15,0”.

In un contesto caratterizzato da difficili condizioni della catena di approvvigionamento e del mercato, nel corso del 2020 KOE ha registrato un aumento della domanda di display TFT di medie dimensioni. La progressiva espansione della linea di prodotti standard consentirà a KOE di fornire un’ampia scelta di display TFT di alta qualità e tecnicamente avanzati per una vasta gamma di applicazioni.

KOE ha le proprie strutture di progettazione, sviluppo e produzione a Kaohsiung (Taiwan), che supportano l’approvvigionamento, la produzione e l’assemblaggio dei moduli. Queste strutture permettono a KOE di gestire con successo una catena di fornitura e un mercato globale, continuando a sviluppare e a migliorare una vasta gamma di soluzioni di visualizzazione di alta qualità e con prestazioni ottimizzate.

La più recente tecnologia LCD caratterizza lo sviluppo dei nuovi moduli di display KOE e comprende: la tecnologia di visione IPS che offre un’eccezionale saturazione e stabilità dei colori; il polisilicone a bassa temperatura (LTPS), che consente di realizzare celle LCD ad alta risoluzione e ad alto rapporto di apertura; la tecnologia Pixels Eyes, che presenta funzionalità multi-touch completamente integrate e la modalità Rugged+, che implementa moduli display di grande robustezza con potenti prestazioni ottiche e resistenza a scariche elettrostatiche, shock meccanici e vibrazioni.

Solide collaborazioni con i fornitori locali permettono inoltre una gamma in espansione di servizi e prodotti a valore aggiunto come l’incollaggio del vetro, la funzionalità touch capacitiva proiettata, la retroilluminazione ad alta luminosità, nonché soluzioni di visualizzazione personalizzate e semipersonalizzate.

L’interazione con i clienti globali è supportata da JDI Europe, JDl-Display America, JDI Taiwan, JDI Korea e KOE Asia. Ogni attività regionale si concentra sulle vendite e sul marketing aziendale, e supporta i clienti con team di vendita locali, distributori e rappresentanti di vendita focalizzati sul design.

EUROPA

Arriva anche in Europa la paura per un incremento dell’inflazione e, soprattutto, del costo del denaro, anche se siamo ben lontani dal livello americano. L’Eurostat ha confermato l’aumento del tasso di inflazione, passato dall’1,3% di marzo all’1,6% di aprile; nel nostro paese l’inflazione ad aprile ha raggiunto l’1% su base annua, dallo 0,6% di marzo.

Sulla pessima giornata delle borse europee ha anche pesato il cattivo andamento di Wall Street che ha chiuso martedì con tutti i tre principali indici in rosso.

A fine giornata lo STOXX Europe 600 perde l’1,51% mentre a Milano l’FTSE MIB arretra dell’1,58% a quota 24.486 punti.

In calo tutti gli indici dei semiconduttori con la sola eccezione di STMicroelectronics che chiude praticamente invariata (+0,017%) a quota 29,20 euro.

Consistenti le perdite di Infineon Technologies (-1,74%), ASML (-2,45%) e ams (-1,03%); a Francoforte arretra dello 0,20% NXP Semiconductors.

 

Da parte sua, Infineon Technologies ha rilasciato il ModusToolbox Machine Learning che abilita TinyML per connessioni AIoT sicure.

Immagine: Infineon Technologies

La combinazione di AI e IoT, meglio nota come Artificial Intelligence of Things (AIoT), fornisce funzionalità di machine learning nei dispositivi connessi, consentendo loro di eseguire attività intelligenti. Secondo Markets and Markets, il mercato AIoT dovrebbe aumentare dai 5,1 miliardi di dollari del 2019 ai 16,2 miliardi di dollari entro il 2024, crescendo con un CAGR del 26 percento. Nell’ultimo sforzo dell’azienda per accelerare lo sviluppo di prodotti AIoT differenziati, Infineon Technologies ha annunciato il rilascio di ModusToolbox Machine Learning (ML) che abilita carichi di lavoro deep learning sui microcontrollori PSoC di Infineon.

ModusToolbox ML è una nuova funzionalità in ModusToolbox Software and Tools che fornisce middleware, librerie software e strumenti speciali per i progettisti mettendoli in grado di valutare e distribuire modelli ML basati su deep learning. Questa funzione consente una perfetta integrazione con i framework esistenti disponibili in ModusToolbox in modo che i carichi di lavoro ML possano essere facilmente integrati in sistemi AIoT protetti. Il ricco set di strumenti fornisce un flusso di lavoro di distribuzione del modello di apprendimento automatico semplificato che consente agli sviluppatori di essere più efficienti e fornire prodotti di qualità in meno tempo.

ModusToolbox ML consente agli sviluppatori di utilizzare il loro framework di deep learning preferito, come TensorFlow, da distribuire direttamente agli MCU PSoC. La funzionalità aiuta inoltre i progettisti a ottimizzare il modello per le piattaforme embedded per ridurre le dimensioni e la complessità, oltre a convalidare le prestazioni rispetto ai dati di test.

ModusToolbox ML offre un’esperienza di sviluppo senza pari che riduce le complessità che gli sviluppatori di sistemi devono affrontare durante lo sviluppo di applicazioni AIoT. Queste applicazioni richiedono in genere una perfetta integrazione del carico di lavoro di Machine Learning, insieme a domini di calcolo, connettività e cloud che ModusToolbox ML può faciulmente affrontare.

ModusToolbox è disponibile per il download al seguente link. Ulteriori informazioni sulle soluzioni di machine learning di Infineon sono disponibili alla seguente pagina.