mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAcquisizioniL’olandese ASM completa l’acquisizione dell’italiana LPE, produttore di reattori epitassiali

L’olandese ASM completa l’acquisizione dell’italiana LPE, produttore di reattori epitassiali

L’azienda di Baranzate, in provincia di Milano, era balzata agli onori della cronaca l’anno scorso per il tentativo di acquisizione da parte di una società cinese bloccato dal Governo Draghi con lo strumento della Golden Power. Ora la società è stata acquisita dalla multinazionale olandese ASM.

Il 18 luglio 2022, ASM ha stipulato un accordo definitivo in base al quale avrebbe acquisito tutte le azioni in circolazione di LPE SpA, produttore italiano di reattori epitassiali per carburo di silicio (SiC) e silicio. Come annunciato in un precedente comunicato stampa, l’operazione è stata finanziata con una combinazione di contanti, un earn-out condizionato e 631.154 azioni ASM (una combinazione di 580.000 azioni proprie e 51.154 azioni di nuova emissione).

L’acquisizione è stata completata oggi e LPE è ora una consociata interamente controllata che opererà come unità di prodotto nell’organizzazione Global Products di ASM.

Questa acquisizione è una pietra miliare per ASM. Siamo entusiasti di accogliere LPE e il suo valido team in ASM“, ha affermato Benjamin Loh, Presidente e CEO di ASM. “Insieme a LPE non vediamo l’ora di cogliere molte delle opportunità nel mercato ad elevata crescita dell’epitassia del carburo di silicio e di supportare i nostri clienti di elettronica di potenza con soluzioni innovative, guidando l’ulteriore elettrificazione dell’industria automobilistica“.
Credo che ASM sia il partner ideale per LPE, soprattutto in questa fase di forte crescita del mercato del carburo di silicio. La portata globale che ASM ha con le sue radicate reti di fornitori e clienti porterà vantaggi a tutte le parti interessate“, ha affermato Franco Preti, che ha previsto l’opportunità offerta dal carburo di silicio nelle prime fasi e ha guidato la crescita di LPE come CEO fino all’acquisizione.

LPE è un’azienda redditizia con margini in linea con il modello target 2021-2025 di ASM. Si prevede che le entrate di LPE aumenteranno fino a superare i 100 milioni di euro nel 2023, principalmente grazie alla sua attività di apparecchiature per l’epitassia SiC. Sulla base delle stime interne di ASM, si prevede che la domanda di apparecchiature per l’epitassia SiC crescerà a un CAGR superiore al 25% dal 2021 al 2025, trainata dal mercato in rapida espansione dei veicoli elettrici.