lunedì, Maggio 20, 2024
HomeAZIENDEToshiba rilascia il nuovo gruppo di microcontrollori M4N della famiglia TXZ+ basati...

Toshiba rilascia il nuovo gruppo di microcontrollori M4N della famiglia TXZ+ basati su ARM Cortex-M4

Immagine: Toshiba Corporation

Particolarmente indicato per apparecchiature industriali che richiedono controller Ethernet e CAN.

Toshiba Electronics Europe ha annunciato la disponibilità di 20 nuovi microcontrollori del gruppo M4N basati su ARM Cortex-M4 e prodotti con nodo di processo a 40 nm. Questi dispositivi estendono e migliorano ulteriormente la classe avanzata della famiglia TXZ+ e includono un core ARM Cortex-M4 con unità in virgola mobile (FPU) funzionante fino a 200 MHz, codice flash integrato da 2 MB e memoria flash dati da 32 kB con durata di 100 mila cicli di scrittura. Questi nuovi microcontrollori offrono anche una nutrita gamma di interfacce di comunicazione come Ethernet, CAN e USB 2.0 FS OTG con PHY integrato.

I microcontrollori del gruppo M4N sono ideali per apparecchiature per ufficio, applicazioni di automazione di edifici e di fabbrica, nonché per reti industriali e dispositivi di gestione delle informazioni. All’interno dello spazio consumer, questi dispositivi sono adatti per elettrodomestici basati su IoT, sicurezza domestica, contatori intelligenti e altro ancora.

I nuovi prodotti del gruppo M4N hanno avanzate funzioni di comunicazione integrate tra cui un’interfaccia di memoria seriale che supporta anche Quad/Octal SPI, interfaccia audio (I2S) e interfaccia bus esterno oltre a UART, FUART, TSPI e I2C supportati da 3 controller DMA. Inoltre, i dispositivi possono allocare DMA e RAM indipendenti per ciascun circuito periferico e utilizzare una configurazione del circuito a matrice di bus che consente al master del bus di trasferire in modo efficiente i dati. Di conseguenza, i dispositivi del gruppo M4N consentono a un controller Ethernet, CAN e USB di essere elaborati indipendentemente in parallelo allo stesso tempo.

I dispositivi appena annunciati supportano una varietà di applicazioni di rilevamento grazie al convertitore analogico/digitale (ADC) a 12 bit ad alta velocità e alta precisione che consente di impostare i tempi di campionamento e mantenimento individuali per ciascuno dei 24 canali di ingresso ADC. I nuovi dispositivi includono anche un convertitore digitale-analogico (DAC) a 8 bit a doppio canale e una gamma di funzioni di controllo del motore.

Le funzioni di autodiagnosi incorporate nei dispositivi per ROM, RAM, ADC e clock aiutano i clienti a ottenere la certificazione di sicurezza funzionale IEC60730 Classe B.

La documentazione completa, il software di esempio (con esempi di utilizzo effettivo) e il software del driver che controlla l’interfaccia per ciascuna periferica sono disponibili per il download sul sito Web Toshiba. Per semplificare ulteriormente il processo di progettazione, vengono forniti schede di valutazione e ambienti di sviluppo in collaborazione con i partner dell’ecosistema globale ARM.

I nuovi dispositivi sono disponibili in una selezione di package LQFP e VFBGA a passo stretto. La produzione in volumi è prevista per questo mese.