giovedì, Maggio 23, 2024
HomeAZIENDESECO cresce del 12% nei primi 9 mesi dell’anno. Fatturato a 162,1...

SECO cresce del 12% nei primi 9 mesi dell’anno. Fatturato a 162,1 milioni, utile netto a 16,2 milioni (+8,1%)

SECO cresce del 12%

Il Consiglio di Amministrazione di SECO S.p.A.- società quotata all’Euronext Star Milan – ha approvato i risultati consolidati dei primi nove mesi del 2023.

Nel periodo in esame è proseguita la crescita del Gruppo SECO che ha conseguito ricavi per 162,1 milioni di euro, in crescita del 12,0% rispetto allo stesso periodo del 2022.

L’incremento dei ricavi si è registrato in tutte le principali aree geografiche dove opera la società.

L’EBITDA adjusted è stato pari a 37,3 milioni di euro (+16,4%) mentre l’utile netto ha raggiunto i 16,2 milioni (+ 8,1%) rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente.

Massimo Mauri, Amministratore Delegato di SECO, ha dichiarato: “I risultati dei primi nove mesi dimostrano la capacità di SECO di crescere anche in complessi contesti di mercato. L’evoluzione del nostro modello di business verso un’offerta integrata hardware e software è in continuo sviluppo, con l’obiettivo di anticipare i bisogni dei clienti in campi come Edge computing, IoT e data analytics, creando per loro una soluzione tecnologica completa, capace di differenziare il prodotto e restituire un chiaro valore aggiunto”.

Risultati consolidati di SECO del periodo

I ricavi complessivi passano da 144,8 milioni di euro nei primi nove mesi del 2022 a 162,1 milioni al 30 settembre 2023, in crescita di 17,4 milioni (+12,0%). Tale incremento è legato alla crescita dei volumi di vendita nelle aree EMEA, USA e APAC.

Nei primi nove mesi i ricavi del compartro edge computing (145,8 milioni di euro) sono cresciuti del 12% rispetto allo stesso periodo del 2022, grazie a un incremento delle vendite di sistemi edge in numerosi settori verticali serviti dal Gruppo.

Prosegue la crescita del business Clea: nei primi nove mesi dell’anno, il fatturato generato è stato di 16,3 milioni, in crescita del 12% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Il margine operativo lordo passa da 68,1 milioni (47,1% dei ricavi) nei primi nove mesi del 2022 a 80,3 milioni di euro (49,5% dei ricavi) al 30 settembre 2023, in crescita di 12,2 milioni (+17,9%). Tale andamento è sostanzialmente legato all’espansione dei business dell’edge computing e di Clea, entrambi cresciuti su base organica. Tale indicatore mostra un significativo miglioramento rispetto allo stesso periodo del 2022 in termini di incidenza sui ricavi (+248 punti base), come effetto della maggior contribuzione del business Clea sul mix di fatturato totale e della progressiva stabilizzazione del mercato delle materie prime e dei componenti impiegati da SECO nei propri processi produttivi.



In crescita EBITDA e utile netto

L’EBITDA adjusted passa da 32,1 milioni di euro al 30 settembre 2022 (22,1% dei ricavi) a 37,3 milioni (23,0% dei ricavi) al 30 settembre 2023, in crescita di 5,2 milioni di euro (+16,4%). Tale evoluzione è in larga parte legata all’espansione del volume d’affari e dal miglioramento del gross margin osservati nel periodo.

Ai fini del calcolo dell’EBITDA adjusted sono stati effettuati alcuni aggiustamenti per rettificare l’importo di alcuni elementi non ricorrenti o non correlati alle performance operative del Gruppo: in particolare, nei primi nove mesi del 2023 tali voci ammontano complessivamente a circa 800 mila euro.

Al lordo dei predetti aggiustamenti, l’EBITDA passa da 29,9 milioni di euro al 30 settembre 2022 a 36,5 milioni al 30 settembre 2023, in crescita del 22,0%.

L’EBIT adjusted passa da 22,7 milioni di euro (15,7% dei ricavi) al 30 settembre 2022 a 24,7 milioni (15,3% dei ricavi) al 30 settembre 2023, con un incremento del 9,0% per effetto delle dinamiche precedentemente illustrate.

Al lordo dei predetti aggiustamenti, dovuti alla rettifica di elementi non ricorrenti o non correlati alle performance operative del Gruppo, l’EBIT passa da 19,6 milioni di euro al 30 settembre 2022 a 20,9 milioni al 30 settembre 2023, in crescita del 6,9%.

L’utile netto adjusted passa da 15,0 milioni di euro (10,4% dei ricavi) nei primi nove mesi del 2022 a 16,2 milioni (10,0% dei ricavi) al 30 settembre 2023, con un incremento del 8,1%.

In aggiunta alle dinamiche precedentemente illustrate, gli oneri finanziari sono aumentati di circa 1,7 milioni di euro rispetto ai primi nove mesi del 2022, principalmente per effetto dell’incremento dei tassi di interesse sulle linee di credito a breve termine e sull’indebitamento bancario a medio-lungo termine. Al lordo dei predetti aggiustamenti, dovuti alla rettifica di elementi non ricorrenti o non correlati alle performance operative del Gruppo, e della stima del relativo impatto fiscale, l’utile netto passa da 12,0 milioni di euro al 30 settembre 2022 a 12,5 milioni al 30 settembre 2023, in crescita del 3,9%.

L’indebitamento finanziario netto adjusted passa da un debito netto pari a 118,8 milioni al 31 dicembre 2022 a un debito netto pari a 59,7 milioni al 30 settembre 2023.

Tale variazione è legata prevalentemente all’aumento di capitale per complessivi 65 milioni di euro effettuato da 7-Industries B.V.

Previsioni sull’andamento nel Q4 2023

Nonostante una situazione di generale rallentamento economico, in uno scenario caratterizzato da elevati tassi di interesse e tensioni geopolitiche, il posizionamento strategico di SECO e l’unicità della propria offerta consentono di continuare a intercettare le enormi opportunità offerte dalla digitalizzazione in ambito industriale, sovraperformando il mercato in maniera significativa.

Sulla base del portafoglio ordini e dei piani produttivi, SECO si aspetta di registrare un buon trimestre in termini di ricavi nel Q4 2023. Nel medesimo periodo, inoltre, il business Clea è atteso in ulteriore espansione, a circa 7 milioni di euro.

Conference call

I risultati al 30 settembre 2023 saranno illustrati il 15 novembre 2023, alle ore 15.30 (CET), nel corso di una conference call con la comunità finanziaria alla quale sarà possibile registrarsi utilizzando il seguente link.

I dati rilasciati da SECO non sono stati accolti con grande favore dal mercato con il titolo che ha perso alla Borsa di Milano il 2,6% circa chiudendo la seduta odierna a 3,49 euro per azione. Dall’inizio dell’anno il titolo SECO ha perso circa il 35%.