lunedì, Maggio 27, 2024
HomeMERCATINews semiconduttori e mercati del 26 aprile 2021

News semiconduttori e mercati del 26 aprile 2021

AMERICA & GLOBAL

Non c’è che dire, la staffetta tra gli indici americani è una macchina ben oliata: dopo i record di febbraio dei tecnologici e del Nasdaq, a marzo i protagonisti, con la scusa dell’aumento dei tassi di interesse, sono stati il Dow Jones e l’S&P500; ora è di nuovo la volta del Nasdaq che ieri ha battuto i record di due mesi fa. Anche i tecnologici, in attesa delle trimestrali di questa settimana (Apple, Facebook e Amazon), hanno messo a segno nuove quotazioni record con Alphabet che ha superato la soglia dei 2.300 dollari e Microsoft che batte, giorno dopo giorno, tutti i precedenti record. Ieri sera, intanto, Tesla, NXP e Cadence ha pubblicato le rispettive trimestrali, tutte, inutile dirlo, con ricavi e utili superiori alle attese.

I 2/3 delle trimestrali fin qui diffuse hanno battuto le aspettative degli analisti. Vien da chiedersi cosa succederà nei prossimi mesi, con un’economia in forte espansione, con livelli di fiducia da parte delle persone e delle aziende come non si vedevano da anni e con la prospettiva di nuovi incentivi da parte dell’amministrazione Biden, quel nuovo American Families Plan da 1.000-1.500 miliardi di dollari destinato alle famiglie più povere.

Restano, naturalmente, le incognite legate al coronavirus, anche se si sta facendo strada la convinzione che, dopo lo sforzo iniziale per la vaccinazione di tutti i cittadini americani ed europei, ci sarà un surplus di vaccini da poter destinare ai paesi più poveri.

Così come restano le incognite legate all’aumento della tassazione delle società, all’inflazione, e all’incremento dei rendimenti del mercato obbligazionario. A questo proposito, in settimana è attesa anche la riunione mensile della Fed che non dovrebbe riservare sorprese sul fronte dei tassi e del programma di acquisto di titoli obbligazionari.

Ieri sono rimasti sostanzialmente stabili sia il prezzo del petrolio che il cambio dollaro/euro.

A conclusione delle contrattazioni, dunque, il Nasdaq Composite guadagna lo 0,87% raggiungendo i 14.138 punti, nuovo record storico, l’S&P 500 sale dello 0,18% a quota 4.187 punti, altra quotazione record, e il Dow Jones perde lo 0,18% a quota 33.981 punti.

Per quanto riguarda i tecnologici, Alphabet chiude a 2.309,93 dollari, nuovo record storico, con un guadagno dello 0,43%; anche Microsoft batte i precedenti record chiudendo a 262,55 dollari per azione, con un guadagno dello 0,15%.

Tutti positivi gli altri titoli tecnologici ad eccezione di Twitter che perde lo 0,46%; guadagnano Apple (+0,30%), Tesla (+1,21%), Netflix 8+0,94%) Facebook (+0,63%) e Amazon (+2,04%).

In serata ha diffuso i conti trimestrali Cadence Design Systems, società specializzata nel software di progettazione di circuiti integrati, SoC e circuiti stampati.

Nel primo trimestre 2021 Cadence ha registrato vendite per 736 milioni di dollari (618 nel 2020), un utile netto di 187 milioni (124 del 2020) e un utile per azione di 0,67 dollari (0,44 nel 2020): un bilancio più che lusinghiero che però non ha soddisfatto gli investitori, almeno a giudicare dalle quotazioni del dopoborsa, scese del 4% circa.

Anche il bilancio di Tesla non ha completamente soddisfatto gli investitori, con il titolo che nell’after hours è sceso di un paio di punti percentuali: c’è stato un balzo consistente dei ricavi e degli utili dovuti però più ai crediti ambientali che alla vendite delle automobili.

Stabile, invece, la quotazione di NXP Semiconductors che lunedì sera, a mercati chiusi ha presentato una trimestrale con vendite e utili in aumento, superiori alle aspettative. Nel periodo, la società ha conseguito ricavi per 2,56 miliardi di dollari, con un aumento sequenziale del 2% e in crescita del 27% rispetto ai 2,02 miliardi del primo trimestre 2020. L’utile netto prima delle tasse è stato di 405 milioni di dollari, con una crescita sequenziale del 13,75%; sull’utile conseguito, la società ha pagato circa il 10% di imposte evidenziando un utile netto di 353 milioni di dollari.

L’indice dell’industria dei semiconduttori, il PHLX Semiconductor (SOX) guadagna a fine giornata l’1,67% a quota 3.250 punti.

In evidenza lunedì Skyworks Solutions che guadagna il 4,58%, Brooks Automation che sale del 3,87% e Cree che guadagna il 3,70%.

Tra i titoli più importanti del paniere, NVIDIA guadagna l’1,39%, Micron sale del 2,10%, Intel perde lo 0,81%, Qualcomm guadagna il 2,61% e TSMC sale del 2,43%.
 

ASIA

Borse contrastate in Asia con la Corea e Taiwan in scia a Wall Street mentre le borse cinesi chiudono in calo.

L’indice Shanghai Composite perde lo 0,95% mentre lo Shenzhen Composite arretra dello 0,75%.

Ad Hong Kong perde lo 0,43% l’Hang Seng a quota 28.952 punti. Contrastati gli indici tecnologici con SMIC che perde l’1,17%, Tencent che arretra dello 0,43%, Alibaba che guadagna lo 0,09%, Xiaomi che arretra del 2,40% e Baidu che sale del 2,00%.

Guadagna lo 0,99% l’indice coreano KOSPI mentre a Taipei il Taiex sale dell’1,57% con ulteriori forti guadagni per UMC (+8,42%) e MediaTek (+3,38%), per i motivi che abbiamo descritto ieri.

Sale di poco il Nikkei 225 giapponese che guadagna lo 0,36% a quota 29.126 punti. Tutti positivi i titoli dei semiconduttori da Renesas (+1,13%) a Murata (+0,57%), da Tokyo Electron (+0,37%) a Rohm (+0,36%), da Advantest (+2,52%) a Toshiba (+1,25%).

Per quanto riguarda i prodotti, Murata ha presentato nuovi induttori conformi AEC-Q200 ottimizzati per i sistemi PoC (power-over-coax) a bordo dei veicoli.

Immagine: Murata Co.

Murata continua a supportare lo sviluppo di dispositivi per il settore automobilistico con l’introduzione di induttori della serie LQW21FT_0H. Si tratta dei più piccoli induttori al mondo con impedenza a banda larga per i circuiti PoC (power-over-coax) di bordo che utilizzano che interfacce SerDes. La serie LQW21FT_0H, conforme alle direttive AEC-Q200, offre una combinazione di impedenza a banda larga e prestazioni elevate anche con alte correnti. Grazie alle tecnologie all’avanguardia sia per il materiale ceramico che per la struttura della bobina, Murata fornisce questi componenti in un formato particolarmente ridotto che altri produttori non possono eguagliare. Questi induttori sono disponibili in formato 0805, con dimensioni di 2 mm × 1,2 mm × 1,6 mm.

Gli induttori della serie LQW21FT_0H di Murata sono particolarmente indicati per tutti i casi d’uso PoC. Oltre ai loro elevati livelli di impedenza a banda larga, mostrano superiori proprietà per quanto riguarda la saturazione. Sono disponibili con valori di induttanza da 0,47 µH a 2 µH, con correnti, rispettivamente, di 1 A e 0,45 A. Le elevate temperature di esercizio (fino a 125 °C) che questi induttori possono supportare li rendono particolarmente indicati per l’impiego automobilistico.

Per accelerare la transizione verso una guida più sicura e autonoma, il numero di telecamere presenti nei modelli di veicoli continua ad aumentare“, ha affermato Tomohiro Yao, General Manager of Marketing & Promotion Department, presso Murata. “La diffusione dei PoC nelle applicazioni veicolari è, di conseguenza, in costante aumento, con significative riduzioni del peso del cablaggio. Mantenere i segnali di alimentazione e dati separati è ovviamente vitale per le implementazioni PoC; le ottime caratteristiche di risposta in frequenza dei dispositivi della serie LQW21FT_0H aiutano a ridurre il numero di induttori necessari a questo scopo. La serie LQW21FT_0H ha la capacità di fare davvero la differenza nelle implementazioni PoC, consentendo di ridurre considerevolmente il numero di induttori utilizzati.
Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link.

EUROPA  

Inizialmente deboli, si riprendono nel pomeriggio le borse europee sulla scia di Wall Street.

A fine giornata lo Stoxx Europe 600 guadagna lo 0,29% mentre l’FTSE MIB di Milano segna un rialzo dello 0,52% a quota 24.513 punti.

Discreti i guadagni delle aziende dei semiconduttori con STMicroelectronics che sale dell’1,21% a 32,60 dollari e con Infineon Technologies che guadagna lo 0,77% a 34,83 dollari.

Positive in Europa anche ASML (+0,52%) e NXP Semiconductors (+1,13%) mentre continua a perdere terreno ams (-0,69%).

Per quanto riguarda i nuovi prodotti, STMicroelectronics presenta un accelerometro MEMS di nuova generazione per applicazioni automobilistiche ad alte prestazioni.

Immagine: STMicroelectronics

L’accelerometro lineare a tre assi STMicroelectronics AIS2IH offre risoluzione, stabilità in temperatura e robustezza meccanica migliorate nelle applicazioni automobilistiche non legate alla sicurezza, tra cui antifurti, telematica, infotainment, misurazione dell’inclinazione e sistemi di navigazione del veicolo. Apre inoltre la strada a nuove applicazioni che necessitano di prestazioni avanzate nei segmenti automobilistico, sanitario e industriale.

Frutto della decennale esperienza in campo automobilistico e nei dispositivi MEMS, l’AIS2IH garantisce la massima affidabilità, fornendo al contempo un rilevamento del movimento di elevate prestazioni in un ampio intervallo di temperature di esercizio, da -40 °C a + 115 °C. Inoltre, l’accelerometro presenta un consumo bassissimo, un package compatto LGA-12, e un prezzo particolarmente competitivo.

Con cinque diverse modalità operative, tra cui una modalità ad alte prestazioni (HPM) e quattro modalità a basso consumo (LPM), il dispositivo supporta il passaggio veloce tra le varie modalità al fine di ottimizzare la risoluzione e il consumo energetico per gli esatti requisiti dell’applicazione in qualsiasi momento.

Queste caratteristiche – gamma estesa di temperature operative, prestazioni migliorate e costo contenuto – consentono all’AIS2IH di affrontare applicazioni automobilistiche emergenti come registratori di guida digitali, monitoraggio del conducente, rilevamento del livello verticale nelle sospensioni del veicolo e automazione delle portiere. Il sensore è adatto anche ad applicazioni di industriali IoT (IIoT), antenne intelligenti 5G e applicazioni mediche sensibili, come pacemaker, che richiedono un consumo energetico particolarmente contenuto, dimensioni compatte e alta risoluzione con un’affidabilità senza compromessi.

Il nuovo accelerometro automobilistico di ST dispone di scale complete selezionabili dall’utente di ± 2g, ± 4g, ± 8g e ± 16g ed è in grado di misurare le accelerazioni con velocità di trasmissione dati (ODR) configurabili nell’intervallo da 1,6 Hz a 1,6 kHz, con filtri digitali configurabili passa basso e passa alto. La densità tipica del rumore è 90 µg / √Hz quando si opera in modalità ad alte prestazioni. La corrente operativa a 3 V è 110μA in HPM e 0,67μA in LPM a 1,6Hz. La FIFO embedded a 32 livelli e le funzioni di rilevamento del movimento e dell’attività contribuiscono a mantenere il consumo energetico a livello di sistema entro un budget molto limitato.

L’AIS2IH – certificato AEC-Q100 – è attualmente disponibile in campioni in package LGA da 2 mm x 2 mm con wettable flanks; il prezzo unitario parte da USD 1,50 per ordini di 1000 pezzi.
Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link.