giovedì, Aprile 18, 2024
HomeAZIENDEAttualitàRiprende gradualmente la produzione di semiconduttori nello stabilimento texano di Infineon

Riprende gradualmente la produzione di semiconduttori nello stabilimento texano di Infineon

Lo stop alla produzione era stato causato dall’interruzione della fornitura di energia elettrica in coincidenza con un periodo di forte maltempo che aveva investito il Texas.

Infineon Technologies comunica che procedono come da programma le operazioni di riavvio degli impianti del proprio stabilimento di Austin, in Texas, la cui produzione era stata bloccata dalla mancanza di energia elettrica il 15 febbraio dopo che l’intero Texas era stato colpito da violenti ondate di maltempo con bufere di neve e temperature rigidissime.

Nonostante l’interruzione di energia elettrica fosse stata annunciata alcuni giorni prima, come sempre accade in questi casi, lo spegnimento degli impianti e il ripristino degli stessi è un’operazione lunga e delicata. La produzione era parzialmente ripartita dopo una settimana circa dal black-out.

La società comunica ora che gradualmente la produzione sta tornando alla normalità, anche se saranno necessari alcuni mesi per raggiungere il livello produttivo pre-chiusura.

Siamo lieti che la fabbrica di Austin sia operativa dopo l’arresto richiesto“, ha affermato Jochen Hanebeck, COO di Infineon. “Sulla base delle nostre ultime valutazioni, questo evento avrà un impatto limitato sulla nostra capacità di soddisfare le esigenze dei clienti. Continueremo a fornire aggiornamenti ai clienti interessati. Per la maggior parte delle categorie di chip prodotti nello stabilimento di Austin, prevediamo di raggiungere i livelli di produzione pre-chiusura nel giugno 2021. Purtroppo a causa delle condizioni di mercato, con gli impianti che lavoravano già al massimo delle loro capacità, non sarà possibile il recupero della produzione persa. Anche perché il nostro obiettivo rimane quello di fornire prodotti della massima qualità e affidabilità.”

La fabbrica di Austin produce semiconduttori utilizzati in un’ampia varietà di applicazioni. L’impatto maggiore di questo incidente sulle entrate di Infineon è previsto nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2021 con una perdita di qualche decina di milioni di euro. In considerazione della situazione aziendale generale e della forte domanda globale di semiconduttori, Infineon non prevede alcun impatto negativo sulle entrate complessive per l’anno fiscale in corso. Infineon fornirà ulteriori aggiornamenti sulla situazione dello stabilimento di Austin in occasione della comunicazione trimestrale del 4 maggio 2021.