mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMERCATINews semiconduttori e mercati del 5 maggio 2021

News semiconduttori e mercati del 5 maggio 2021

AMERICA & GLOBAL

Dopo lo scivolone di ieri, rimbalzano – mercoledì 5 maggio 2021 – le borse americane ed europee con il Dow Jones che stabilisce un nuovo massimo storico. Resta ancora debole il comparto tecnologico con il Nasdaq Composite che perde un altro 0,4% dopo il calo di quasi 2 punti di martedì.

Dopo le dichiarazioni che hanno provocato lo scivolone di borsa, il segretario del Tesoro Janet Yellen ha dichiarato ieri che non stava né prevedendo né raccomandando che la Federal Reserve aumentasse i tassi.

A spingere nuovamente all’insù le borse è stato anche il dato sul PIL americano dei primi tre mesi dell’anno che ha visto un incremento destagionalizzato del 6,4%.

E mentre sta per finire la stagione delle trimestrali, si incominciano a tirare le somme con tre quarti delle società dell’S&P 500 che hanno conseguito ricavi e utili in forte crescita rispetto al trimestre precedente.

Nella giornata di ieri i rendimenti dei titoli di Stato sono rimasti stabili, così come stabile è risultato il cambio euro/dollaro; è cresciuto, invece, il prezzo del petrolio, al pari di quello di molte altre materie prime come il rame il cui prezzo è aumentato di quasi il 30% dall’inizio dell’anno.

Alla fine delle contrattazioni il Dow Jones Average Industrial guadagna lo 0,29% a quota 34.230 punti, nuovo record storico per l’indice; l’S&P 500 guadagna lo 0,07% a quota 4.167 punti e il Nasdaq Composite arretra dello 0,29% a quota 13.582 punti.

Contrastati i tecnologici con Microsoft che perde lo 0,53%, Tesla che arretra dello 0,39%, Alphabet che guadagna lo 0,34%, Amazon che perde l’1,25% e Apple che sale dello 0,20%.

Più consistenti le perdite dei social, con Facebook che perde l’1,05% e Twitter che arretra dell’1,54%.
Guadagna leggermente l’indice dell’industria dei semiconduttori, il PHLX Semiconductor (SOX) che chiude a 3.042 punti (+0,61%).

I maggiori guadagni li mettono a segno le aziende che producono impianti e forniscono servizi per la fabbricazione di chip, da Brooks Automation (+2,37%) a Entegris (+1,66%), da ASML (+2,05%) a CMC Materials (+1,91%).

Tra i titoli più importanti del paniere, Intel perde lo 0,09%, NVIDIA guadagna lo 0,75%, Micron sale dello 0,88%, Broadcom perde lo 0,16%, Applied Materials guadagna l’1,22% e Texas Instruments sale dell’1,46%.
La società che perde di più è AMD che arretra dello 0,99%.

 

Per quanto riguarda i nuovi prodotti, Diodes Incorporated annuncia di aver ulteriormente ampliato il proprio portafoglio di switch video passivi multiplexer / demultiplexer (mux / demux) con l’introduzione del dispositivo PI3WVR14412 a 4 canali. In grado di operare fino a 20 Gbps, questo dispositivo mux / demux 2: 1/1: 2 offre velocità superiori a quelle di altri prodotti sul mercato, con un aumento delle prestazioni del 35% rispetto ai competitor.

Immagine: Diodes Incorporated

PI3WVR14412 è completamente compatibile con gli standard di interfaccia DisplayPort 2.0 e HDMI2.1, presenti nell’ultima generazione di unità di elaborazione grafica (GPU). Le applicazioni principali riguardano workstation mobili, console di gioco, sistemi docking, notebook, monitor, TV e set-top box.

Il PI3WVR14412 consente l’instradamento di segnali video 4K ad alta definizione (HD) e 8K ad altissima definizione (UHD) con una attenuazione del segnale particolarmente contenuta. Questo instradamento può provenire da due sorgenti a un singolo sink o, al contrario, da una singola origine a due sink.

Le elevate velocità raggiunte dal PI3WVR14412 vengono ottenute grazie alla tecnologia proprietaria di Diodes. I canali ad alta velocità di questo dispositivo sono anche in grado di mantenere caratteristiche di integrità del segnale al vertice nel settore. Operando a 10 GHz la perdita di inserzione è di -2dB mentre la perdita di ritorno è tipicamente di -10dB. Il crosstalk da canale a canale è di -35 dB e l’isolamento in condizione off è di -15 dB. Lo skew da bit a bit è normalmente di soli 5ps.

La comunicazione bidirezionale è fornita tramite il canale AUX. Ciò significa che possono essere supportati altri protocolli come USB 2.0, evitando così la necessità di cavi aggiuntivi per l’host e riducendo i costi complessivi del sistema. L’ampio intervallo di tensione del segnale di ingresso (da 0 V a 3,6 V) consente l’accoppiamento diretto di HDMI con polarizzazione VDD e segnali DP con polarizzazione 0. Sono necessari meno componenti passivi, quindi è necessario meno spazio per il PCB. Sono inclusi anche il rilevamento hot plug (HPD) e il canale dati di visualizzazione (DDC), che elimina la necessità di un mux esterno. La temperatura operativa è compresa tra 0 °C e 105 °C.

Questi prodotti sono disponibili in un package TQFN compatto a 40 pin (con dimensioni di 3 x 6 x 0,75 mm); il prezzo unitario parte da 1,70 USD per lotti di 5 mila pezzi.

Da parte sua, ON Semiconductor annuncia l’introduzione di nuovi MOSFET a supergiunzione (SJ) e nuovi diodi SiC, come parte delle proprie iniziative nel corso del PCIM Europe Digital Event di quest’anno (dal 3 al 7 Maggio 2021).

Immagine: ON Semiconductor

L’efficienza e l’affidabilità sono sempre più importanti nelle applicazioni di potenza, non da ultimo per consentire ai produttori di soddisfare gli standard internazionali più rigorosi. I MOSFET SUPERFET® III FAST SJ da 650 V offrono prestazioni di commutazione migliori rispetto agli altri MOSFET a supergiunzione presenti sul mercato, con una migliore efficienza e una maggiore affidabilità a livello di sistema. Queste caratteristiche sono molto richieste in diversi settori applicativi in rapida crescita, che includono il 5G, le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici (EV)le telecomunicazioni i server.

ON Semiconductor introdurrà inoltre i diodi SiC da 1200 V di ultima generazione qualificati AECQ101 per automotive e conformi agli standard industriali, ideali per le applicazioni ad alta potenza come le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici e gli inverter solarii gruppi di continuitài caricabatterie a bordo dei veicoli elettrici (OBC) e i convertitori DC-DC per veicoli elettrici. I diodi SiC offrono vantaggi significativi rispetto alle soluzioni su silicio, che includono una maggiore affidabilità, una riduzione delle EMI e una semplificazione dei requisiti di raffreddamento. Il nuovo formato introduce miglioramenti rispetto alla prima generazione di diodi SiC, grazie alle dimensioni inferiori del die e a una capacità più ridotta. I diodi NVDSH20120CNDSH20120CNVDSH50120C e NDSH50120C assicurano una caduta di tensione diretta inferiore e una corrente nominale 4 volte superiore, con una maggiore escursione del segnale (di/dt) pari a 3500 A/µs. Le dimensioni inferiori del die restituiscono inoltre una resistenza termica inferiore del 20% in un package F2.


ASIA

Chiusi per festività i mercati in Giappone, Corea del Sud e Cina, arretrano le borse di Hong Kong e Taipei.

L’Hang Seng perde lo 0,76% a quota 28.417 punti con tutti i tecnologici in calo; SMIC perde lo 0,20%, Tencent arretra dell’1,61%, Alibaba perde il 2,31% al pari Xiaomi (-0,40%) e Baidu (-3,53%).

Anche a Taiwan, dove l’indice Taiex perde lo 0,53%, arretrano le società dell’industria dei semiconduttori con TSMC che perde l’1,02%, UMC che arretra del 3,28% e MediaTek che lascia sul terreno il 7,37%.

Il primo fornitore di chipset per smartphone al mondo a cavallo di aprile e maggio ha avuto un’impennata di oltre il 20% per poi perdere il 15% in pochi giorni.
 

EUROPA  

Le Borse europee chiudono tutte in forte rialzo dopo il crollo di martedì, recuperando tutto il terreno perso.

Lo STOXX Europe 600 guadagna l’1,82% dopo aver perso l’1,50% il giorno prima, l’FTSE MIB di Milano sale del 2,03% a quota 24.463 punti contro la perdita dell’1,81% di martedì.

Recuperano anche le aziende dell’industria dei semiconduttori con STMicroelectronics che guadagna il 2,30% a quota 30,74 punti e Infineon Technologies che sale dell’1,64% a quota 32,25 euro. Guadagnano molto anche le olandesi ASML (+4,96%) e NXP Semiconductors (+3,09%). Balzo del titolo ams (+9,09%) dopo la presentazione della trimestrale che sembra rassicurare sul buon andamento della integrazione con OSRAM, società recentemente acquisita da ams.