mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAcquisizioniLa tedesca Elmos SE vende la fabbrica di semiconduttori di Dortmund a...

La tedesca Elmos SE vende la fabbrica di semiconduttori di Dortmund a Littelfuse diventando di fatto un’azienda fabless

Elmos Semiconductor SE, uno dei principali fornitori mondiali di semiconduttori automobilistici a segnale misto, e l’americana Littelfuse hanno stipulato un accordo definitivo per la vendita a Littelfuse del fab di Elmos presso il sito di Dortmund. Il corrispettivo è stato fissato in 93 milioni di euro. In base all’accordo, Littelfuse acquisirà la fabbrica di Dortmund compreso il team di circa 225 dipendenti. Tutte le altre attività, comprese le operazioni di test, rimarranno ad Elmos.

Nei mesi scorsi, il governo tedesco aveva bloccato la vendita dello stabilimento di Elmos alla svedese Silex Microsystems AB, controllata dalla cinese Sai Microelectronics. La decisione era stata motivata dalle autorità tedesche “perché l’acquisizione avrebbe messo in pericolo l’ordine pubblico e la sicurezza della Germania“.

Con l’acquisizione della fabbrica di wafer di Dortmund, Littelfuse migliora le sue capacità nei semiconduttori di potenza per applicazioni di conversione di potenza nel campo delle energie rinnovabili, dello stoccaggio di energia e dell’infrastruttura di ricarica per la mobilità elettrica.

L’accordo di oggi è una pietra miliare per la produzione di semiconduttori a Dortmund e rafforzerà la posizione della Germania come luogo high-tech. In qualità di fabless company, Elmos farà un uso ancora maggiore di tecnologie avanzate per fornire innovazioni rivoluzionarie nei semiconduttori a segnale misto. Elmos è già leader di mercato globale per determinate applicazioni nell’industria automobilistica. Vogliamo utilizzare questa posizione di forza per plasmare la nostra crescita futura“, ha dichiarato il dott. Arne Schneider, CEO di Elmos Semiconductor SE.

Con sede a Chicago, Stati Uniti, Littelfuse è una società di produzione di tecnologia industriale con presenza in più di 20 paesi e con circa 18.000 collaboratori in tutto il mondo. I suoi prodotti si trovano in una varietà di mercati finali industriali, dei trasporti e dell’elettronica. In Germania, Littelfuse gestisce vari siti di produzione, vendita e ricerca e sviluppo.



La chiusura della transazione è fissata al 31 dicembre 2024 ed è soggetta a determinate condizioni di chiusura e approvazioni normative, tra cui la procedura di controllo degli investimenti ai sensi della legge sul commercio estero condotta dal Ministero federale tedesco per gli affari economici e l’azione per il clima. Elmos manterrà il pieno controllo operativo sulla fabbrica di wafer fino alla data di chiusura.

Elmos e Littelfuse hanno stipulato un accordo di condivisione della capacità pluriennale del fab almeno fino al 2029; questo accordo a lungo termine integra gli accordi di fornitura esistenti con gli altri partner di fonderia di Elmos e garantisce che l’azienda tedesca abbia le capacità necessarie per soddisfare la domanda dei propri clienti.

Questa è una buona notizia per il team di fabbrica di wafer di Elmos. Siamo lieti che Littelfuse si sia impegnata a sviluppare ulteriormente lo stabilimento di semiconduttori di potenza di Dortmund. I nostri dipendenti si aspettano ora una rapida procedura di revisione da parte delle autorità competenti“, afferma il dott. Schneider.

A seguito dell’approvazione regolamentare della transazione, l’acquirente effettuerà un pagamento di circa 37 milioni di euro. Il resto del prezzo di acquisto sarà pagato alla chiusura. La transazione non ha effetti significativi sull’EBIT nell’anno fiscale 2023, motivo per cui continua ad applicarsi l’attuale previsione per il margine EBIT per l’intero anno 2023 (25% ± 2 punti percentuali). Si prevede che il flusso di cassa di Elmos sarà influenzato positivamente nell’anno fiscale 2023 dal pagamento di circa 37 milioni di euro dopo le approvazioni normative. Indipendentemente dalla transazione, Elmos continuerà ad aumentare i propri sforzi per espandere le capacità di test per sostenere le attività future in forte espansione. La società prevede ora spese in conto capitale di circa il 19% ± 2 punti percentuali delle vendite nell’anno fiscale 2023 (precedentemente: 17% ± 2 punti percentuali).