sabato, Luglio 13, 2024
HomeAZIENDESuperano le stime degli analisti i ricavi nel primo trimestre 2021 di...

Superano le stime degli analisti i ricavi nel primo trimestre 2021 di STMicroelectronics

STMicroelectronics ha rilasciato questa mattina i risultati finanziari del primo trimestre 2021 che evidenziano ricavi per 3,02 miliardi di dollari, superiori alle stime di 2,92 miliardi; in crescita anche il margine lordo, del 39% nel periodo, superiore alle aspettative.

La crescita è stata guidata dal settore automobilistico e da quello industriale, mentre sono calate le vendite di analogici e MEMS.

Rispetto allo stesso trimestre di un anno fa crescono del 35,2% i ricavi che però risultano inferiori del 6,8% rispetto al quarto trimestre 2020 quando furono di 3,23 miliardi di dollari.

Anche l’utile netto cresce dell’89,6% rispetto ad un anno fa (364 milioni di dollari contro 192) ma cala del 37,4% rispetto al quarto trimestre 2020 (364 milioni di dollari contro 582).

Nel primo trimestre il Free cash flow si attesta a 261 milioni di dollari dopo spese in conto capitale nette per 405 milioni di dollari.

L’utile diluito per azione è di 0,39 dollari, contro i 0,63 del trimestre precedente e i 0,21 di un anno fa.

Questo il riepilogo dei dati finanziari del trimestre:

Per quanto riguarda le previsioni di ST per il secondo trimestre, ci aspettiamo ricavi netti di 2,9 miliardi di dollari come valore intermedio, corrispondenti ad una crescita anno su anno del 39% e a una flessione del 3,8% rispetto al trimestre precedente, dovuta alla consueta stagionalità del mercato Personal Electronics, e un margine lordo intorno al 39,5%” ha dichiarato Jean-Marc Chery, President & CEO di STMicroelectronics, “Guideremo la Società in base ad un piano di ricavi per l’esercizio 2021 di 12,1 miliardi di dollari, più o meno 150 milioni di dollari, pari a un incremento anno su anno del 18,4% come valore intermedio. Questa crescita sarà trainata dalle robuste dinamiche di tutti i mercati finali a cui ci rivolgiamo e dai programmi già in corso con i nostri clienti. Per il 2021, prevediamo adesso di investire circa 2,0 miliardi di dollari di spese in conto capitale a sostegno della forte domanda del mercato e delle nostre iniziative strategiche.”

Questi i dettagli finanziari delle categorie di prodotto:

Automotive and Discrete Group (ADG):

  • I ricavi sono cresciuti sia nei prodotti Automotive, sia nei Discreti di potenza; l’utile operativo è cresciuto del 280,4% a 85 milioni di dollari. Il margine operativo era all’8,2% rispetto al 3,0%.

Analog, MEMS and Sensors Group (AMS):

  • I ricavi sono cresciuti nei prodotti Analogici, nei MEMS e nell’Imaging; l’utile operativo è cresciuto del 5,4% a 187 milioni di dollari. Il margine operativo era al 17,2% rispetto al 20,8%.

Microcontrollers and Digital ICs Group (MDG):

  • I ricavi sono cresciuti nei Microcontrollori e sono diminuiti nelle RF Communications; l’utile operativo è cresciuto del 140,5% a 172 milioni di dollari. Il margine operativo era al 19,4% rispetto all’11,5%.

Le spese in conto capitale del primo trimestre, al netto dei proventi delle vendite, sono state pari a 405 milioni di dollari. Nello stesso trimestre del 2020, le spese in conto capitale erano ammontate, in termini netti, a 266 milioni di dollari. Alla fine del primo trimestre le scorte erano pari a 1,84 miliardi di dollari, rispetto a 1,77 miliardi di dollari nello stesso trimestre dell’anno scorso. L’indice di rotazione delle scorte era di 91 giorni alla fine del trimestre, rispetto a 118 giorni nello stesso trimestre del 2020.

Nel primo trimestre il free cash flow (parametro non U.S. GAAP) era pari a 261 milioni di dollari, in aumento rispetto al dato di 113 milioni di dollari dello stesso trimestre dello scorso anno.

Nei primi tre mesi dell’anno, la Società ha distribuito dividendi cash ai suoi azionisti per un totale di 38 milioni di dollari e ha eseguito un riacquisto di azioni proprie per 156 milioni di dollari nell’ambito del programma di riacquisto di azioni precedentemente annunciato.

Al 3 aprile 2021 la posizione finanziaria netta di ST (parametro non U.S. GAAP) era pari a 1,19 miliardi di dollari rispetto a 1,10 miliardi di dollari al 31 dicembre 2020, e rifletteva una liquidità totale di 4,16 miliardi di dollari e un indebitamento finanziario totale di 2,97 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda le imposte sul reddito, su un imponibile di 431 milioni la società ha pagato nel trimestre 66 milioni di tasse, pari ad un media del 15,3%.

Come dichiarato dal CEO Jean-Marc Chery, la guidance della Società per il secondo trimestre del 2021, ai valori intermedi prevede ricavi netti per 2,9 miliardi di dollari, pari a una diminuzione del 3,8% su base sequenziale, più o meno 350 punti base e un margine lordo intorno al 39,5%, più o meno 200 punti base.
La Società prevede che le sue spese in conto capitale nel 2021 ammontino a circa 2 miliardi di dollari.
Al momento della pubblicazione di questo articolo, il titolo STMicroelectronics guadagnava circa il 2,5% alla Borsa di Milano, dopo aver chiuso la giornata di ieri in calo del 2,26% a quota 32,01 euro.