lunedì, Maggio 27, 2024
HomeAZIENDEMicron: trimestrale Q1 2021 con più utili e outlook positivo

Micron: trimestrale Q1 2021 con più utili e outlook positivo

Micron Technology, leader globale nella produzione di memorie, ha annunciato i risultati per il primo trimestre dell’anno fiscale 2021 (Q1 2021), terminato il 3 dicembre 2020.

La società con sede a Boise, Idaho, ha registrato nel trimestre un fatturato di 5,773 miliardi di dollari con utile di 71 centesimi per azione, oltre le previsioni degli analisti che stimavano in 5,73 miliardi di dollari il fatturato del periodo.

Le vendite sono diminuite rispetto al trimestre precedente (erano 6,06 miliardi) ma sono cresciute rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso (5,14 miliardi); diminuito leggermente rispetto ad entrambi i trimestri anche il flusso di cassa, sceso a 1,97 miliardi di dollari.

Micron ha prodotto risultati eccezionali nel primo trimestre, guidati da un grande impegno e da una forte domanda del mercato finale“, ha affermato Sanjay Mehrotra, Presidente e CEO di Micron Technology. “Siamo entusiasti del rafforzamento dei fondamentali nel settore DRAM. Per la prima volta nella nostra storia, Micron è simultaneamente leader nelle tecnologie DRAM e NAND e siamo in una posizione eccellente per beneficiare dell’accelerazione della trasformazione digitale delle economie globali spinta da AI, 5G, cloud e intelligent edge“.

Positive anche le previsioni per il prossimo trimestre: Micron ha dichiarato che prevede di generare entrate (non GAAP) comprese tra 5,6 miliardi e 5,10 miliardi con utili compresi tra 68 centesimi e 82 centesimi per azione. Gli analisti prevedono 5,5 miliardi di dollari con guadagni di 63 centesimi per azione.

All’inizio di questa settimana, le quotazioni delle azioni Micron sono aumentate a seguito dell’aggiornamento dei giudizi sulla società da parte degli analisti di Citigroup, che hanno aumentato il loro prezzo obiettivo a 100 dollari per azione.

Anche Deutsche Bank ha aumentato il target price portandolo a 85 dollari per azione, così come RBC Capital Markets che lo ha portato a 83 dollari.

Alla chiusura dei mercati di ieri il titolo quotava 79,11 dollari mentre nel dopoborsa, dopo la diffusione della trimestrale, le azioni sono salite di oltre il 2%.