giovedì, Aprile 18, 2024
HomeAZIENDEMicrochip e Acacia collaborano per consentire la transizione del mercato verso connessioni...

Microchip e Acacia collaborano per consentire la transizione del mercato verso connessioni ottiche 400G

Immagine: Microchip Technology

Le soluzioni abilitano interfacce crittografate 100/400 GbE, FlexE e Flexible OTN per applicazioni 400ZR, OpenZR+ e Open ROADM. 

La necessità di disporre di maggiore larghezza di banda, specialmente nei data center e nelle reti 5G, sta spingendo verso l’impiego di ottiche coerenti swappabili DWDM (Dense Wavelength Division Multiplexing) ancora più veloci.

Per questa ragione le piattaforme Data Center Interconnect (DCI) e Metro Optical Transport Network (OTN) stanno passando da moduli ottici 100/200G a moduli 400G, in grado di garantire questo incremento nelle prestazioni.

Microchip Technology e Acacia (ora parte di Cisco) stanno supportando questa transizione portando sul mercato set di soluzioni interoperabili costituiti dai dispositivi DIGI-G5 OTN e META-DX1 terabit Secure-Ethernet PHY di Microchip e dall’ottica coerente collegabile 400G di Acacia. Lo scopo della collaborazione è stabilire un ecosistema per supportare i moduli 400G CFP2-DCO, QSFP-DD e OSFP per la specifica 400ZR, così come le applicazioni OpenZR+ e Open ROADM Multi-Source Agreement (MSA).

La collaborazione tra Microchip e Acacia favorisce l’impiego di ottica coerente e pluggabile 400G nei sistemi OTN ed Ethernet con le seguenti modalità:

  • Per le piattaforme ottiche convergenti packet/OTN, il modulo DIGI-G5 di Microchip e il modulo 400G CFP2-DCO di Acacia sono progettati per abilitare schede di commutazione OTN di classe terabit, muxponder e switchponder. Il DIGI-G5 interagisce con il modulo 400G CFP2-DCO di Acacia utilizzando un’interfaccia Flexible OTN (FlexO) o NxOTU4 per supportare in modo efficiente il traffico OTN, comprese le modalità di interfaccia Open ROADM MSA e gli standard 200G/400G ITU-T attualmente in fase di stesura.
  • Per i sistemi ottici modulari compatti, i moduli META-DX1 di Microchip e 400ZR e OpenZR+ di Acacia sono progettati per abilitare muxponder/transponder 400G a velocità di linea flessibile con supporto per vari tipi di ottica client tra cui QSFP28, QSFP-DD e moduli OSFP, aiutando i fornitori di servizi a passare da 100 GbE a 400 GbE con lo stesso hardware.
  • Per il routing dei data center e le piattaforme di commutazione, i moduli META-DX1 di Microchip e 400ZR e OpenZR+ di Acacia sono progettati per abilitare ad alta densità 400 GbE o FlexE con schede di linea coerenti con crittografia MACsec per porta. Ciò aiuta i clienti a sfruttare i router/switch IP sull’infrastruttura DWDM (IPoDWDM) nelle implementazioni DCI.

DIGI-G5 e META-DX1 hanno consentito ai nostri clienti in ambito  trasporto ottico, routing IP e commutazione Ethernet di implementare una nuova classe di commutazione OTN multi-terabit e schede di linea ad alta densità 100/400 GbE e FlexE che garantiscono tempistiche di pacchetto rigorose e funzionalità di sicurezza integrate per la creazione di reti ottiche cloud e carrier 5G“, ha affermato Babak Samimi, vicepresidente della business unit Comunicazioni di Microchip. “I nostri sforzi di interoperabilità con Acacia aiutano a dimostrare che esiste un ecosistema per l’implementazione di volumi di queste nuove schede di linea con ottica coerente 400G“.

I moduli coerenti 400G di Acacia verificati per l’interoperabilità con i dispositivi DIGI-G5 e META-DX1 di Microchip, rappresentano una soluzione robusta, progettata per affrontare la crescita della capacità della rete e garantire una maggiore efficienza“, ha affermato Markus Weber, senior director DSP, product line management di Acacia, ora parte di Cisco. “Le dimensioni compatte e l’efficienza energetica dei nostri moduli 400G OpenZR+ CFP2-DCO aiutano gli operatori di rete a implementare e ridimensionare la capacità di connettività DWDM a larghezza di banda elevata tra i data center nelle reti metropolitane“.