lunedì, Giugno 24, 2024
HomeAZIENDEEntrate in calo del 14% anno su anno per Texas Instruments nel...

Entrate in calo del 14% anno su anno per Texas Instruments nel Q3 2023

Texas Instruments Q3 2023

La debolezza del comparto industriale pesa sui conti di TI che prevede un quarto trimestre ancora in affanno. 

È stato un Q3 2023 sulla difensiva per Texas Instruments, con entrate sequenziali piatte ma in calo del 14% rispetto al trimestre di un anno fa. La società ha realizzato un fatturato di 4,53 miliardi di dollari e conseguito un EPS di 1,85 dollari, al centro esatto della forchetta di previsione di 4,36÷4,74 miliardi di dollari per le entrate e di 1,68÷1,92 per l’EPS.

L’utile netto è stato di 1,70 miliardi di dollari contro i 2,3 miliardi di un anno fa (-26%).

Texas Instruments Q3 2023 Earning

Nonostante il calo del fatturato, la società resta ancora molto profittevole grazie al margine lordo che nel trimestre è stato del 62% e che ha garantito un utile lordo di 2,8 miliardi di dollari.

Le spese operative nel trimestre sono state pari a 923 milioni di dollari, in aumento del 7% rispetto a un anno fa.

Su una base di 12 mesi finali, le spese operative sono state di 3,7 miliardi di dollari, ovvero il 20% delle entrate.

L’utile operativo è stato di 1,9 miliardi di dollari nel trimestre, ovvero il 42% dei ricavi, mentre quello netto è risultato di 1,7 miliardi.

L’aumento del capex riduce il flusso di cassa libero

Il flusso di cassa derivante dalle operazioni è stato di 1,9 miliardi di dollari nel trimestre e 6,5 miliardi di dollari sugli ultimi 12 mesi.

Texas Instruments Q3 2023 Cash Generation

Le spese in conto capitale sono state di 1,5 miliardi di dollari nel trimestre e di 4,9 miliardi di dollari nel corso degli ultimi quattro trimestri, segnando un aumento del 57%.

Il flusso di cassa disponibile negli ultimi 12 mesi è stato di 1,6 miliardi di dollari.

Nel trimestre Texas Instruments ha pagato dividendi per 1,1 miliardi di dollari e riacquistato azioni proprie per 46 milioni di dollari remunerando complessivamente gli azionisti con 1.172 milioni di dollari.

A settembre la società aveva annunciato che avrebbe aumentato il dividendo del 5%, segnando così il ventesimo anno consecutivo di aumenti dei dividendi.

Texas Instruments Q3 2023 Cash Return

Complessivamente la società ha restituito ai propri azionisti 5,6 miliardi di dollari (sono stato 7,1 nei dodici mesi precedenti).

In un periodo di calo delle vendite e degli utili, oltre che di elevate spese in conto capitale, per mantenere questo livello di remunerazione degli azionisti la società ha dovuto fare ricorso alla propria liquidità che in ogni caso presenta un valore decisamente rassicurante, 8,9 miliardi tra cash e investimenti a breve termine. Alla fine del periodo il debito circolante ammontava a 11,3 miliardi di dollari.



Le previsioni per il quarto trimestre

Le scorte alla fine del Q3 2023 ammontavano a 3,9 miliardi di dollari pari a 205 giorni, in calo di due giorni rispetto al trimestre precedente.

Nel periodo le scorte sono aumentate di 179 milioni di dollari, meno della metà dell’aumento rispetto al trimestre precedente, con l’azienda che si avvicina ai livelli di magazzino desiderato.

Texas Instruments ha pertanto iniziato un rallentamento degli input che comporterà oneri aggiuntivi al conto economico.

Per il quarto trimestre l’azienda prevede ricavi compresi tra 3,93 e 4,27 miliardi di euro (furono 4,67 miliardi l’anno scorso) e un utile per azione compreso tra 1,35 e 1,57 dollari per azione (nel Q4 2022 l’EPS raggiunse i 2,13 dollari).

Restiamo concentrati sulle aree che aggiungono valore nel lungo termine. Continuiamo a investire nei nostri vantaggi competitivi, che sono produzione e tecnologia, un ampio portafoglio di prodotti, la portata dei nostri canali e posizioni diversificate e di lunga durata. Continueremo a rafforzare questi vantaggi attraverso un’allocazione disciplinata del capitale e concentrandoci sulle migliori opportunità. Riteniamo che ciò consentirà di continuare a generare una crescita del flusso di cassa disponibile per azione nel lungo termine.” ha dichiarato durante la Conference Call Rafael R. Lizardi, CFO and Senior VP of Finance & Operations.

I mercati hanno penalizzato con un calo del 3,5% il titolo Texas Instruments che ha chiuso la giornata di ieri a quota 140,50 dollari per azione.

Tra i titoli del paniere PHLX Semiconductor Index, le azioni di Texas Instruments sono tra quelle che hanno segnato uno degli andamenti peggiori perdendo dall’inizio dell’anno oltre il 14% (contro un incremento del 28% dell’indice di riferimento).